Quotidiano di informazione campano

OGGI A GARLASCO SENTENZA APPELLO BIS PER STASI

CRONACA RADIO PIAZZA NEWS

0

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Milano,17 dic. – Ancora il 17 dicembre, ancora una data che, a dispetto della superstizione, porta fortuna ad Alberto Stasi. Cinque anni fa, l’ex studente bocconiano, ora 31enne commercialista, veniva assolto dal gup di Vigevano Stefano Vitelli dall’accusa di avere ucciso la fidanzata Chiara Poggi il 13 agosto 2007. Domani, si ritrovera’ davanti a giudici togati e popolari che leggeranno il verdetto dell’appello bis con al centro uno dei delitti piu’ oscuri degli ultimi anni. Nell’ottobre 2013, la Cassazione aveva annullato la doppia assoluzione pronunciata dal gup e poi dai giudici milanesi di secondo grado ordinando una “rilettura e rivisitazione” di tutti gli indizi a carico di Stasi. Dopo nove mesi, il collegio della Corte d’Assise d’Appello, presieduto da Barbara Bellerio, e’ chiamato a un verdetto difficile, comunque destinato a lasciare una scia di dubbi in un processo che ha visto accusa e parte civile da una parte e difesa dall’altra, combattersi in modo feroce, in aula e sui media. Il sostituto pg Laura Barbaini ha chiesto 30 anni di carcere per omicidio aggravato dalla crudelta’ affermando, nel corso della requisitoria, che Stasi e’ il “soggetto verso il quale convergono tutti gli elementi indiziari positivi e non negativi”. Secondo il pg, l’imputato ha “colpito piu’ volte Chiara sfondandole la calotta cranica” e ha gettato il suo “corpo inerte giu’ dalle scale della cantina con massimo dispregio, privo di qualsiasi pietas, volendosi in qualche modo liberare con rabbia di quel corpo”.

  L’indizio piu’ potente a carico di Stasi, secondo Barbaini, e’ che c’erano remote possibilita’ per lui di non sporcarsi le scarpe col sangue della vittima cosparso nella villetta di via Pascoli. Lo ha certificato una nuova perizia disposta dalla Corte che, questa volta e su diktat della Cassazione, ha tenuto in considerazione anche i gradini della scale dell’abitazione dei Poggi sulla quale l’ex bocconiano avrebbe trovato il corpo della compagna. Invece il ragazzo arrivo’ in caserma con un paio di Lacoste immacolate. Per l’accusa, esperimenti scientifici dimostrano che, dopo avere calpestato il sangue, Alberto avrebbe dovuto perlomeno lasciare delle tracce sul tappetino della Golf a bordo della quale raggiunse la stazione dei carabinieri. La difesa ribatte che le suole erano idrorepellenti e si pulirono ‘rilasciando’ il materiale ematico durante il tragitto e che, in ogni caso, il sangue era ormai essiccato. Un altro elemento valorizzato nella nuova ricostruzione dell’accusa e’ una foto in cui si vedono le impronte insanguinate di quattro dita sulla spalla sinistra della maglia del pigiama rosa indossata da Chiara quando apri’ la porta al suo carnefice. Impronte di cui non si e’ trovata la ‘firma’ per un clamoroso errore di chi giro’ e rimosse il cadavere ‘cancellando’ cosi’ il prezioso riscontro. Resta comunque l’immagine che alla Procura Generale da’ una certezza: Stasi si lavo’ le mani dopo il massacro, come testimonierebbe la presenza del suo dna sul dispenser del bagnetto. Ribatte la difesa, guidata dal professor Angelo Giarda, che poiche’ quello era un dispenser ‘usa e getta’ non si capisce perche’ Stasi non l’abbia buttato via dal momento che nessuno sapeva della sua esistenza (i genitori di Chiara erano in vacanza). Inoltre, sottolinea che il luminol non ha evidenziato alcuna traccia di sangue nel bagno, nemmeno nel lavandino e che sono scomparsi due teli da mare dal bagno, e con quelli probabilmente l’assassino si puli’. Altra carta messa sul tavolo dall’accusa sono due fotografie che mostrano la scena del delitto in altrettante versioni. Una, illuminata dal flash, l’altra dalla luce naturale come sarebbe apparsa a Stasi se davvero fosse arrivata a casa di Chiara all’ora di pranzo. Nell’immagine senza flash, il volto della ragazza e’ rappresentato come una macchia nera, il che contraddice la versione di Stasi che ai carabinieri racconto’ di avere visto il volto “pallido” di Chiara. La replica della difesa e’ che le fotografie furono scattate in un momento successivo a quello del ritrovamento del corpo da parte di Alberto il quale aveva quindi una visuale diversa, con piu’ luce, come confermo’ un sopralluogo effettuato dal giudice di primo grado. E ancora, nella aspra dialettica tra accusa e difesa, questo nuovo processo ha fatto emergere la presenza di presunti graffi sul braccio sinistro del sospettato. Due carabinieri chiamati a deporre hanno confermato l’esistenza di queste lievi escoriazioni di cui pero’ non c’e’ agli atti alcuna immagine. Per i legali, il presunto indizio dei graffi perde consistenza dal momento che i periti non sono riusciti a identificare con certezza il dna di Alberto sotto le unghie di Chiara, smorzando cosi’ l’ipotesi della colluttazione tra i due. In una memoria, la difesa ha anche riportato le dichiarazioni del medico che misuro’ la pressione ad Alberto dopo il delitto e nega di avere visto quei graffi. “Se li avessi visti – ha detto il medico – l’avrei fatto presente subito”. Al di la’ delle novita’, restano l’assenza dell’arma, per l’accusa un martello (mai trovato), e di un movente chiaro. Barbaini ha parlato della possibilita’ che la vittima avesse visto immagini ose’ nel computer del fidanzato (Stasi e’ comunque stato assolto in Cassazione dall’accusa di detenzione e divulgazione di materiale pedopornografico). Infine, elemento non nuovo ma sempre nevralgico della bicicletta. Accusa e difesa concordano sul fatto che quasi certamente l’assassino arrivo’ in bicicletta in via Pascoli. Per Barbaini la bicicletta e’ quella nera da donna, vista da una vicina di casa dei Poggi, e sequestrata solo in questo appello bis. Domani, il verdetto. Alberto, descritto da chi gli e’ vicino “un po’ agitato”, sara’ come sempre in aula cosi’ come i genitori di Chiara, rappresentati dall’avvocato Gian Luigi Tizzoni che ha svolto un intenso lavoro di indagini anche in questo nuovo capitolo della vicenda ed e’ convinto della colpevolezza di Stasi. Dopo le repliche della difesa e le controrepliche dell’accusa, salvo improbabili dichiarazioni spontanee dell’imputato, i giudici si ritireranno in camera di consiglio.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.