Quotidiano di informazione campano

OGGI SALUTE LA GAZZETTA CAMPANA

Sarcopenia: come contrastare la perdita di massa muscolare

Nel corso della nostra vita raggiungiamo il picco di massa muscolare intorno ai 25 anni d’età e lo manteniamo, in
media, fino ai 40 anni. Il fenomeno – entro certi limiti fisiologico – di perdita di massa muscolare è chiamato
sarcopenia ed inizia solitamente tra i 40 e 50 anni, rallentabile ma non arrestabile (clicca qui per scaricare
gratis la dieta apposita). Clinicamente questa modifica si traduce, da un lato, in una riduzione della forza
muscolare, della coordinazione dei movimenti e della velocità del cammino con un maggior rischio di cadute,
dall’altro, ad un aumento del rischio di malattie del cuore e dei vasi sanguigni (clicca qui per scaricare gratis la
dieta e il menu per le malattie cardiovascolari). La sarcopenia grave porta spesso all’invalidità e riduce quindi la
qualità e le aspettative di vita delle persone che ne sono affette. Un corretto stile di vita può aiutare a prevenire
e/o a trattare questa malattia, vediamo allora come dobbiamo comportarci per far fronte ai rischi per la salute
arrecati dalla sarcopenia.
Cause della sarcopenia
Per sarcopenia, dal greco “sarx” (σάρξ) = carne + “penìa” (πενία) = perdita, ci si riferisce appunto a una
condizione caratterizzata dalla perdita di massa muscolare che si verifica durante l’invecchiamento, in
particolare dopo i 65 anni d’età. In media, dai 60 ai 70 anni perdiamo circa l’8% di massa muscolare, ma dopo i
70 anni il processo subisce un’accelerazione: si arriva al 15% per ogni decade, tutto ciò in assenza di ulteriori
fattori esterni come altre malattie, interventi chirurgici o periodi di immobilità. A 80 anni, mediamente, si arriva a
perdere il 30% della massa muscolare che si aveva a 30 anni, riducendo le aspettative e la qualità della di vita
delle persone anziane.
Tra le principali cause di perdita di massa muscolare riconosciute vi sono:
cambiamenti ormonali, in particolare la riduzione dei livelli di testosterone negli uomini ed estrogeni
nelle donne e la diminuzione dei livelli dell’ormone della crescita e IGF-1;
Educazione Nutrizionale Grana Padano PER LA GAZZETTA CAMPANA


I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.