Quotidiano di informazione campano

Ottaviano – Esplosione; un forte boato; in fumo la fabbrica Adler Plastic di Scudieri.

LE NEWS DELLA GAZZETTA CAMPANA

Ottaviano – Un Esplosione un forte boato, un rumore assordante, udibile anche a notevole distanza. È accaduto nel Comune di Ottaviano. A bruciare, in seguito ad un’esplosione, è stata la fabbrica Adler Plastic di Scudieri; era leader mondiale del settore. Una tragedia di grandi proporzioni; non basta l’emergenza sanitaria Covid – 19 ; ha preoccupare è, nella circostanza, la densa nuvola di fumo nero, molto alta, che si è sprigionata. Purtroppo ha perso la vita, un 55enne. Ci sono anche due gravi feriti che sono stati soccorsi, ovviamente e portati in ospedale. La fabbrica si occupava della realizzazione e lavorazione di materie plastiche. Il tutto è avvenuto tragicamente all’interno della sede storica dell’azienda. Un bilancio tragico: ulteriormente aggravato; c’è un ferito in gravissime condizioni ricoverato presso l’ospedale di Nola, un altro ricoverato all’ospedale Cardarelli di Napoli. Sul posto sono accorsi le forze dell’ordine e i Vigili del Fuoco, per domare le fiamme, per spegnere l’incendio. Qualche testimone diretto, osservatore della tragica realtà, abbiamo appreso da alcune fonti, ha raccontato che è stato osservatore di uno scenario sconvolgente; una situazione simile al grande panico di alcune circostanze. Un fortissimo boato davvero del quale non ci sono parole per descriverlo con esattezza; un’esplosione intensa con tanto di fumo nero distinguibile da ogni luogo della zona vesuviana. Porrebbero esserci, nell’esplosione, con ogni probabilità componenti di derivazione chimica. Sicuramente chi ha autorità in materia ha consigliato agli abitanti della zona uno stato d’all’erta, condizioni di prudenza, di proteggersi da possibili intossicazioni. La fabbrica non stava facendo produzione; gli operi si stavano solo occupando di ordinaria manutenzione in attesa di riaprire secondo le recenti disposizioni; un danno economico sul piano lavorativo in un contesto dove è d’obbligo la solidarietà verso le famiglie dei lavoratori colpite. Uno scenario orribile; l’esplosione ha provocato anche diversi danni nelle vicinanze quali vetrate e infissi che hanno tremato in seguito all’onda d’urto dell’eplosione.
A.R.

96255011_596297060983657_3438820390799933440_o.jpg

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.