Quotidiano di informazione campano

Otto dipendenti Enel indagati, manomettevano i contatori.

0

In cambio di cospicue somme di denaro garantivano consumi ridotti e bollette meno salate. Con le otto misure cautelari eseguite ieri mattina dai carabinieri del Reparto Territoriale di Nocera Inferiore si chiude il cerchio su una complessa indagine avviata nel 2010 che ha fatto registrare arresti e denunce in stato di libertà per otto dipendenti dell’ Enel e oltre venti utenti. Stamani sono state notificate le ultime otto misure cautelari che hanno raggiunto i vertici dell’ organizzazione: tra loro anche un ingegnere nucleare, insegnante nel Foggiano. Si tratta per lo più di obblighi di dimora. L’accusa è di associazione per delinquere finalizzata al furto dell’energia elettrica. I componenti della banda, dietro un compenso che in media si aggirava intorno ai 500 euro, provvedevano alla materiale manomissione della componentistica interna dei singoli contatori elettronici o applicavano magneti che ne alteravano il regolare funzionamento. Ciò consentiva una registrazione di consumi di energia elettrica minori rispetto a quelli reali, con conseguente danno economico alle società fornitrici (Enel SpA o altri operatori del mercato libero) ed all’Erario pari all’ indebito vantaggio degli utilizzatori delle forniture elettriche manomesse.
Dalle indagini effettuate negli ultimi due anni si è potuto constatare che la banda operava “interventi” in tutto l’Agro Nocerino Sarnese, l’area di Cava de Tirreni, il Salernitano e nella valle dell’Irno, nonché nell’Agro Nolano, nei paesi vesuviani di San Giuseppe Vesuviano, Terzigno e Boscoreale, ma anche nella stessa città di Napoli. Negli anni sarebbero stati truffati circa 2.400.000 KwH, per un valore di 470.000 euro circa, recuperati dalla Società Enel Distribuzione SpA a seguito delle verifiche svolte. Inoltre, ci sarebbe stato anche il raggiro di una somma di danaro pari ad 110 mila euro dovuti agli stati di morosità accumulati dagli utenti finali che venivano favoriti dagli indagati che non li segnalavano e permettevano loro di effettuare volture e nuove intestazioni a favore di familiari conviventi, sui cui contatori poi effettuavano le manomissioni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.