Quotidiano di informazione campano

Padoan: l’Ue ci dà ragione, conti dell’Italia migliorano

0

Le previsioni confermano che il Paese sta migliorando, c’è crescita, miglioramento della competitività ma soprattutto di investimenti e occupazione nel periodo di previsione”. Pier Carlo Padoan commenta così le previsioni di primavera della Commissione europea, aggiungendo che “questo conferma che le cose stanno andando bene e che la politica economica del governo le rafforzerà”.

Per la Commissione l’Italia cresce ancora poco (si prevede una “lenta ripresa”, confermata la stima del +0,6% rispetto allo 0,8% previsto dal governo nel Def) e resta alto l’allarme per il debito pubblico (che toccherà quest’anno secondo Bruxelles il record del 135,2% rispetto al Pil) e per la disoccupazione che salirà ancora fino al 12,8% quest’anno per avere una “marginale” discesa al 12,5% nel 2015. E il commissario Ue ad interim agli Affari economici Siim Kallas ha osservato che il bonus da 80 euro ”è probabile che abbia un effetto neutrale sulla crescita nel breve periodo, ma potrebbe avere un effetto positivo nel lungo termine se sarà finanziato razionalizzando e migliorando l’efficienza della spesa”.

“Le misure – ha quindi sottolinato Padoan – richiedono tempo”, ma “la direzione è giusta e le misure sono giuste, i tempi sappiamo tutti, sia a Roma che a Bruxelles, che non sono immediati ma questo non indebolisce l’importanza delle misure”. Il Governo peraltro, come la Ue, aveva detto “da tempo che il debito quest’anno sarebbe aumentato e il prossimo sceso”, e inoltre “visto il surplus primario e la crescita in aumento, il costo del debito in riduzione, tutto aritmeticamente indica che questa riduzione ci sarà forse più rapidamente di quanto pensiamo, ha sottolineato Padoan.

Quanto al pareggio strutturale, la Commissione ha dato una stima “diversa dalla previsione che abbiamo avanzato”, e “la ragione è che non tiene conto delle politiche intraprese”. Il ministro ha quindi spiegato di non sentirsi preoccupato, e ha aggiunto che “altri Paesi hanno posizione di aggiustamento peggiore della nostra”.

Immediato il commento di Forza Italia con Renato Brunetta che su Twitter sottolinea una lettura opposta a quella del ministro dell’Economia: “Per Commissione europea effetto 80euro su crescita neutro. Buco nell’acqua di Matteo Renzi, anzi buco di bilancio”. “La Commissione europea – twitta ancora Brunetta – boccia Matteo Renzi e il suo Def. Padoan fa l’illuso. Pareggio di bilancio lontano anche nel 2016. Manovra correttiva in arrivo”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.