Quotidiano di informazione campano

PARCHEGGIO “EX JOLLY” A ISCHIA, IL TAR CAMPANIA BLOCCA LO SCAVO FINO AL 25

0

Finalmente una buona notizia. Non sarà possibile scavare fino al 25 ottobre, giorno in cui è stata fissata la Camera di Consiglio del T.A.R. Campania. Per la realizzazione del nuovo scempio ambientale, l’amministrazione comunale è stretta nella morsa della lotta popolare portata avanti dal PCI-ML guidato da Domenico Savio e in quella della battaglia giudiziaria avviata dagli operatori economici della zona. L’augurio è che venga definitivamente vietata la devastazione di un’area sotto la quale è presente la falda acquifera.

 Finalmente una buona notizia circa i lavori in corso d’opera nel comune di Ischia per la realizzazione di un parcheggio seminterrato all’ingresso di San Ciro che sta scatenando polemiche e proteste in quanto si prevede un enorme scavo in una zona dove sono presenti falde acquifere e per questo motivo è grosso il rischio di trovarci dinanzi ad uno scempio ambientale simile a quello venutosi a creare a Ischia Ponte dove la presenza dell’acqua nel sottosuolo ha reso l’intera zona interessata dallo scavo una vera e propria palude di fango. Infatti il  Tribunale Amministrativo Regionale della Campania su ricorso presentato da alcuni operatori economici della zona, ha bloccato i lavori di escavazione fino al prossimo 25 ottobre giorno in cui è stata fissata la Camera di Consiglio. Intanto Domenico Savio, Segretario generale del Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista, partito che nei giorni scorsi proprio su questo spinoso argomento ha tenuto un importante e partecipato presidio di protesta all’esterno del Municipio di Ischia a cui hanno preso parte associazioni ambientaliste e semplici cittadini indignati per il nuovo scempio ambientale in atto in pieno centro cittadino, continua a chiedere con forza  all’amministrazione comunale guidata dal sindaco Enzo Ferrandino, amministrazione stretta nella morsa della lotta popolare e di quella giudiziaria, di non procedere all’esecuzione dello scavo evitando, così, una nuova devastazione del nostro territorio ma di limitarsi solo ad abbellire e rendere più vivibile l’attuale area di parcheggio. L’augurio, naturalmente, è che il T.A.R. fermi definitivamente  il nuovo scempio ambientale progettato all’ingresso di San Ciro e questo per preservare alle nuove generazioni una porzione di territorio che rischia di essere totalmente devastata.GENNARO SAVIO PER RADIO PIAZZA NEWS

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.