Roma, 19 nov. -sei  giorni dopo gli attentati di Parigi, le forze speciali della polizia francese hanno sferrato all’alba un blitz a caccia dell’uomo considerato la mente della strage: Abdelhamid Abaaoud, il 28enne jihadista belga di origine marocchine di cui si sono perse le tracce da mesi. Nel blitz, a Saint-Denis, sobborgo della periferia settentrionale di Parigi sono morti pero’ una donna-kamikaze che si e’ fatta esplodere e almeno un altro terrorista. Otto persone sono state arrestate. In serata, quasi simultaneamente il Washington Post e il quotidiano fiammingo De Standaard, citando fonti di intelligence, hanno riferito che Abaaoud e’ stato ucciso nel blitz.

Parigi: professore ebreo accoltellato, gli aggressori “siamo con l’Isis”

Il procuratore generale francese Francois Molins ha fatto sapere che ne’ Abaaoud, ne’ il super-latitante Salah Abdeslam “sono tra coloro che sono stati arrestati” a Saint-Denis. Il magistrato ha pero’ ribadito di non essere al momento in grado di confermare “il numero preciso e le identita’” delle persone morte nell’operazione, comunque “almeno due”, e neppure di identificarle. Gli arrestati sono una donna e sette uomini, e tre di essi non sono ancora stati identificati. Durante il blitz sono stati esplosi 5.000 colpi d’arma da fuoco.

Guarda il video e la galleria fotografica

L’operazione, hanno spiegato sia Molins che il ministro dell’Interno Bernard Cazeneuve, ha permesso di sgominare una “unita’” operativa che, “in base a tutte le indicazioni, considerate le armi di cui disponeva, la sua struttura organizzativa e la determinazione dei suoi componenti, sarebbe potuta passare all’azione e colpire”. L’operazione a Saint Denis e’ cominciata alle 04:20 ed e’ terminata 7 ore dopo. La donna-kamikaze ha azionato il giubbotto esplosivo che portava indosso “all’inizio dell’assalto”. Secondo diversi media francese era una parente, per la precisione una cugina, del jihadista belga addestratosi in Siria. Almeno cinque agenti del Raid, le teste di cuoio della polizia francese, sono rimasti feriti lievemente. E’ morto invece un cane addestrato della polizia, Diesel, un pastore tedesco femmina di 7 anni, che e’ subito diventato l’eroe del web. Secondo una fonte, i terroristi “progettavano un attentato alla Defense”, il quartiere finanziario nella parte occidentale di Parigi. Tra le persone fermate, tre sono state catturate dalla polizia nell’appartamento assediato per ore, due sono stati acciuffati mentre “cercavano di nascondersi tra le macerie”, e altri due -ha precisato ancora il procuratore- sono il proprietario dell’appartamento che ha dato rifugio ai terroristi e uno dei suoi parenti. Uno e’ stato portato via in manette, circondato dalle teste di cuoio, con la sola maglietta indosso, nudo dalla cintola in giu’.

In serata Molins ha comunicato che gli arresti sono stati otto.
  Sulla sorte di Abbaoud, nome de guerres Abou Omar Soussi o Abou Omar al-Baljiki (il ‘belga’) per ora nessuna conferma ufficiale. “Operazioni come questa ci confermano ancora una volta che siamo in guerra contro il terrorismo”, ha detto il presidente francese, Francois Hollande dinanzi a 2mila sindaci, usando per la seconda volta in pochi giorni il termine ‘guerra’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi altre Notizie

Il Nola spreca e si ferma sul pari: con l’Angri è 1-1 Dopo l’iniziale vantaggio di Gonzalez il Nola non la chiude e pareggia Il Nola non conferma la vittoria di Portici e allo Sporting non va oltre il pari con l’Angri allenato dall’ex Carmelo Condemi. Un gol per parte, un’espulsione a squadra ed un vento fastidioso che ha dato non pochi grattacapi ai due team. Il primo tempo, infatti, è avaro di emozioni e di trame di gioco. La gara esplode nel secondo tempo. Al 55′ Palmieri viene atterrato in area di rigore, dal dischetto si presenta Gonzalez che è glaciale e non sbaglia. La gara si apre ma il Nola non ne approfitta e in ben due occasioni Palmieri non trova il gol da ottima posizione. L’Angri serra i ranghi e resiste e, dopo aver colpito anche un palo esterno, trova il pari al 66′ con il neo entrato Varsi che approfitta di una dormita della difesa nolana. Nell’occasione Cassata viene però espulso: durante i festeggiamenti il numero 10 grigiorosso si arrampica sulle pareti divisorie e si fa ammonire, secondo giallo per lui e Angri in 10. Il Nola accelera ma non trova la via del gol e, anzi, a 5′ dal termine finisce in 10 per il doppio giallo a Castagna. 5 punti per il Nola in 3 gare ma il ruolino di marcia non è ancora efficace per lasciare l’ultima posizione. Prossimo appuntamento, cruciale, domenica prossima ad Aprilia. DICHIARAZIONI “Il vento ha sicuramente condizionato il primo tempo, che è stato brutto, ma nella seconda frazione siamo usciti fuori bene – ha affermato a fine gara mister Ferazzoli – E’ un buon risultato ma dobbiamo fare di più, questa squadra difende in maniera troppo molle ancora. Le gare si possono vincere anche 1-0 e dobbiamo essere lucidi. Nulla è perduto perchè la lotta è ancora serrata, ma dobbiamo migliorare ancora“. “Dispiace per il risultato, dopo l’1-0 qualcosa non ha funzionato – ha dichiarato Sergio Gonzalez, autore del gol – La situazione è difficile ma non molliamo, è ancora lunga. Il gruppo è forte e lo dimostra il fatto che Claudio Sparacello ha lasciato a me il rigore pensate del vantaggio“. TABELLINO Reti: Gonzalez 56′ (N), Varsi 66′ (A). Nola 1925: Zizzania, Sepe, Di Dona (80′ Valerio), Piacente, Russo, Gonzalez (71′ Manfrellotti), Staiano, Ruggiero (86′ Adorni), Sparacello, Palmieri, Castagna. A disposizione: Landi, Lucarelli, Franzese, Kean, Lame, D’Angelo. Allenatore: Giuseppe Ferazzoli. Angri: Bellarosa, Riccio, Liguoro, Manzo, Pagano, Vitiello (89′ Langella), De Rosa (86′ Fiore), Cassata, Acasta (57′ Varsi), Aracri, Fabiano. A disposizione. Oliva, Della Corte, Palladino, Visconti, Giordano, Sall. Allenatore: Carmelo Condemi. Arbitro: Nigro di Prato (assistenti Tagliaferro di Caserta e De Simone di Roma 1). Note: ammonito Bellarosa per l’Angri; espulsi per doppio giallo Castagna per il Nola e Cassata per l’Angri. Ufficio Stampa Società Sportiva Nola Calcio www.nolacalcio.com

Il Nola spreca e si ferma sul pari: con l’Angri è 1-1 Dopo l’iniziale vantaggio di Gonzalez il Nola non la chiude e pareggia Il Nola non conferma la vittoria di Portici e allo Sporting non va oltre il pari con l’Angri allenato dall’ex Carmelo Condemi. Un gol per parte, un’espulsione a squadra ed un vento fastidioso che ha dato non pochi grattacapi ai due team. Il primo tempo, infatti, è avaro di emozioni e di trame di gioco. La gara esplode nel secondo tempo. Al 55′ Palmieri viene atterrato in area di rigore, dal dischetto si presenta Gonzalez che è glaciale e non sbaglia. La gara si apre ma il Nola non ne approfitta e in ben due occasioni Palmieri non trova il gol da ottima posizione. L’Angri serra i ranghi e resiste e, dopo aver colpito anche un palo esterno, trova il pari al 66′ con il neo entrato Varsi che approfitta di una dormita della difesa nolana. Nell’occasione Cassata viene però espulso: durante i festeggiamenti il numero 10 grigiorosso si arrampica sulle pareti divisorie e si fa ammonire, secondo giallo per lui e Angri in 10. Il Nola accelera ma non trova la via del gol e, anzi, a 5′ dal termine finisce in 10 per il doppio giallo a Castagna. 5 punti per il Nola in 3 gare ma il ruolino di marcia non è ancora efficace per lasciare l’ultima posizione. Prossimo appuntamento, cruciale, domenica prossima ad Aprilia. DICHIARAZIONI “Il vento ha sicuramente condizionato il primo tempo, che è stato brutto, ma nella seconda frazione siamo usciti fuori bene – ha affermato a fine gara mister Ferazzoli – E’ un buon risultato ma dobbiamo fare di più, questa squadra difende in maniera troppo molle ancora. Le gare si possono vincere anche 1-0 e dobbiamo essere lucidi. Nulla è perduto perchè la lotta è ancora serrata, ma dobbiamo migliorare ancora“. “Dispiace per il risultato, dopo l’1-0 qualcosa non ha funzionato – ha dichiarato Sergio Gonzalez, autore del gol – La situazione è difficile ma non molliamo, è ancora lunga. Il gruppo è forte e lo dimostra il fatto che Claudio Sparacello ha lasciato a me il rigore pensate del vantaggio“. TABELLINO Reti: Gonzalez 56′ (N), Varsi 66′ (A). Nola 1925: Zizzania, Sepe, Di Dona (80′ Valerio), Piacente, Russo, Gonzalez (71′ Manfrellotti), Staiano, Ruggiero (86′ Adorni), Sparacello, Palmieri, Castagna. A disposizione: Landi, Lucarelli, Franzese, Kean, Lame, D’Angelo. Allenatore: Giuseppe Ferazzoli. Angri: Bellarosa, Riccio, Liguoro, Manzo, Pagano, Vitiello (89′ Langella), De Rosa (86′ Fiore), Cassata, Acasta (57′ Varsi), Aracri, Fabiano. A disposizione. Oliva, Della Corte, Palladino, Visconti, Giordano, Sall. Allenatore: Carmelo Condemi. Arbitro: Nigro di Prato (assistenti Tagliaferro di Caserta e De Simone di Roma 1). Note: ammonito Bellarosa per l’Angri; espulsi per doppio giallo Castagna per il Nola e Cassata per l’Angri. Ufficio Stampa Società Sportiva Nola Calcio