Parigi, Renzi: ‘No leggi speciali, ma rafforzeremo azione 007’. Mattarella: ‘Non ci piegheranno’

0

Si innalza il livello di sicurezza in Italia e, come indicato  nei giorni scorsi dal ministro dell’Interno, arrivano misure speciali anche per gli 007. Intanto monito del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella che invita all’unità e sottolinea: il terrore vuole snaturarci ma non ci piegheremo.

“Il tema è molto complesso: bisogna trovare un equilibrio – ha detto il premierMatteo Renzi nell’intervista a Sky Tg24 con Sarah Varetto -, chi dice è il momento della sicurezza, va rinunciato a tutto forse esagera. Noi dobbiamo prima di tutto vivere, ci vuole anche il coraggio di non rinchiudersi e di non rinunciare alla nostra identità”. “Il patto di stabilità non si deve applicare alle spese della difesa: lo avevamo proposto nel settembre 2014, ci fu detto di no. Ma è positivo, giusto, sacrosanto. Figurarsi se uno sta attento allo ‘zero virgola’ sulla sicurezza. Quello che vale per la Francia varrà anche per l’Italia”. Serve “un investimento sulla cyber security: puoi mappare i sospetti – ha detto Renzi sul potenziamento delle spese per la sicurezza -, ma anche banalmente incrociare le telecamere come è stato fatto a Milano dopo il terribile episodio a Palazzo di Giustizia. È un tema c”Siamo di fronte ad un momento di difficoltà ma siamo anche un grande paese e abbiamo vinto la sfida del terrorismo interno e della mafia. L’Italia ha mille difficoltà ma anche una straordinaria forza di reazione. Non bisogna correre il rischio dell’isteria e neanche della sottovalutazione”, ha detto il premier a Skytg24. “Non sottovalutiamo nessun pericolo” e “stiamo intensificando ogni tipo di controllo e cercando di usare anche tutti gli strumenti innovativi, anche perché la tecnologia ci aiuta a mappare le persone pericolose”, ha detto Renzi sull’azione di contrasto al terrorismo. “Escludo nel modo più categorico una modifica costituzionale su questi temi” della sicurezza e del contrasto al terrorismo, ha detto Renzi a SkyTg24. “Non credo che la priorità siano leggi speciali. Non escludo però modifiche normative” per rafforzare l’azione dell’intelligence.he va affrontato in modo diverso”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy