Quotidiano di informazione campano

Pasqua, i Sepolcri del Giovedì Santo: storia, significato e le pratiche di allestimento più diffuse

RADIO PIAZZA EVENTI

0

Quelli che con termine liturgico sono detti ‘Altari della Reposizione’ la pietà popolare continua a chiamare ‘Sepolcri’, associandoli impropriamente alla sepoltura di Gesù.

Essi invece vengono allestiti nelle chiese per conservare con la dovuta solennità la Santissima Eucaristia che sarà consumata dai fedeli il Venerdì Santo, giorno in cui la Chiesa, per antichissima tradizione, non celebra la Messa.

A Nola, come altrove, si rinnova ogni anno il rito della visita ai ‘Sepolcri’, specie nel centro storico. Sempre particolarmente ricco e suggestivo l’Altare del Duomo, belli anche quelli del Gesù, di San Biagio, del Collegio e del Carmine.

La tradizione vuole che i Sepolcri si visitino in numero dispari, tre, cinque o sette, numeri che forse intendono richiamare rispettivamente la SS. Trinità (3), le Piaghe di Gesù (5) e i Dolori di Maria (7).

Immancabili le piante di grano, retaggio degli antichi riti pre-cristiani in onore di Adone, figura celebratissima in tutta l’antichità greca, come simbolo della natura che rinasce dopo i rigori invernali. Durante le feste in suo onore, dette Adonie, le giovani donne sue devote portavano al tempio piccoli giardinetti in vaso, coltivati amorosamente nei mesi precedenti, proprio come ancora oggi si suole fare soprattutto nel sud Italia in occasione della Settimana Santa.

L’altare allestito in Cattedrale intende rappresentare plasticamente l’incontro di Gesù con la donna di Samaria, raccontato nel Vangelo di Giovanni. Il tema della sete attraversa tutto il Vangelo di Giovanni: dall’incontro con la Samaritana, alla grande profezia durante la festa delle Capanne, fino alla Croce, quando Gesù, prima di morire, disse per adempiere la Scrittura: “Ho sete”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.