Quotidiano di informazione campano

PASTICCIO AL COMUNE DI CASTELLAMMARE BUCO DA UN MILIONE E MEZZO DI EURO

0

 Non è bastato il salasso per le famiglie. Quello dellImu si è rivelato un vero e proprio pasticcio. Un disastro evitato dai consiglieri comunali che non hanno votato il bilancio allamministrazione Bobbio, decaduta il 29 novembre. Ma il pasticcio non si è potuto evitare. In soldoni: tra entrate previste e quelle effettivamente incassate cè una differenza di circa un milione e mezzo. Un disavanzo importante, che sicuramente condizionerà in maniera negativa la prossima amministrazione.
Snocciolando due numeri, è facile calcolare un disavanzo per fortuna contenuto. Nel bilancio di previsione, il commissario ad acta Scotto di Clemente aveva previsto unentrata di 9,3 milioni di euro per quanto riguarda lImu, la tassa più discussa del governo Monti.Ebbene, secondo i calcoli dei tecnici del Comune, sono stati incassati poco meno di 7 milioni e 700mila euro. A cui, al massimo, vanno aggiunti i soldi di chi ha pagato la super-tassa in ritardo, stimabili al massimo in 200mila euro. Non si raggiungerebbero nemmeno gli 8 milioni di euro incassati.
Ma gl stabiesi possono ritenersi addirittura fortunati, perchè se solo fosse passato lultimo bilancio dellex sindaco Bobbio si sarebbe andati incontro a problemi ben maggiori. Infatti la previsione del bilancio votato alla fine di novembre era di circa 15 milioni di euro. E vero che in questo vanno considerate le aliquote più alte, ma in ogni caso non si sarebbe arrivati a più di 11 milioni di euro secondo invece le previsioni molto più realistiche dei revisori dei conti, in particolare quelle di Antonio Cassaneti.  In questo caso il disavanzo sarebbe stato di 4 milioni, ben più grave rispetto alla situazione attuale.
E per fortuna che lallora sindaco Bobbio ritirò il primo bilancio portato in aula (perchè non aveva i numeri per approvarlo). Parliamo dello scorso settembre, quando le previsioni di entrata erano di ben 20 milioni. In questo caso ci sarebbero stati almeno 10 milioni di avanzo, cifre che avrebbero fatto precipitare il Comune di Castellammare nel dissesto finanziario. Per fortuna così non è stato, perchè poi anche il bilancio di novembre è stato bocciato, decretando la fine della consiliatura targata Bobbio. Proprio su questo fronte cè stato uno scontro, anche mediatico, tra lex sindaco e il revisore dei conti Antonio Cassaneti. Che anche in occasione del bilancio approvato dal commissario ad acta aveva previso questo leggero disavanzo. Infatti il suo parere non è stato favorevole, nemmeno di fronte al documento licenziato da un tecnico. Nella sua relazione, infatti, aveva previsto unentrata effettiva di poco meno di otto milioni. Alla fine nelle casse del Comune, alla data del 31 gennaio 2013, sono entrati 7,7 milioni o poco meno. Ben un milione e sei in meno di quanto previsto dal commissario, cioè 9 milioni e 300mila euro.
Anzi, nelle relazioni licenziate da Cassaneti aveva centrato perfettamente quelle che sarebbero state le entrate reali, infatti parlava di «previsione 7.719.920 euro in base alle aliquote ordinarie» e invece di «11.664.832 in base alle aliquote maggiorate proposte». Ecco svelato perchè il consiglio comunale ha voltato le spalle allex sindaco Bobbio. I dati parlano chiaro e sono inconfutabili: ogni previsione fatta nei bilanci di Bobbio era sballata sullImu. E il consiglio comunale non se lè sentita caricarsi una responsabilità simile, dal punto di vista patrimoniale e personale, ma anche nei confronti di un Comune che sarebbe stato esposto a troppi rischi. Altro che complotti.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.