Quotidiano di informazione campano

Pediatri, non solo farmaci per cura bambino allergico

0

Non solo farmaci, ma anche immunoterapia specifica per la cura del bambino allergico.

Questo uno dei temi al centro del congresso ‘Highlights e interattività in pediatria’ in corso a Firenze. L’immunoterapia specifica, che funziona come una sorta di ‘vaccino’ per l’allergia, produce una immuno-tolleranza specifica verso l’allergene, ad esempio dell’acaro o dei pollini, e si associa a una riduzione dei sintomi dovuti all’allergene stesso.

“Lallergy immunotherapy (Ait) – spiega Roberto Bernardini, presidente della Società italiana di allergologia e immunologia pediatrica (Siaip) e direttore delluoc di pediatria all’ospedale di Empoli – si è rivelata una terapia efficace e sicura da prescrivere in caso di allergia grave al veleno dimenotteri (ad esempio da puntura dape); in caso di rinite allergica (ad esempio agli acari della polvere e ai pollini) con associato o meno asma bronchiale allergico; in caso di asma bronchiale allergico”. Secondo quanto emerso dagli studi presentati in occasione del congresso, l’immunoterapia specifica previene sia la comparsa di asma bronchiale in soggetti affetti da rinite allergica alle graminacee, sia la comparsa di nuove sensibilizzazioni. Altro effetto è la durata nel tempo.

Limmunoterapia specifica produce un beneficio sui sintomi per molti anni dopo la sua sospensione (da 3 a 5), mentre i farmaci (antistaminici, cortisonici, antileucotrienici, broncodilatatori) funzionano solo fino a quando si somministrano. Generalmente l’immunoterapia specifica viene effettuata per via sottocutanea. Da alcuni anni sono disponibili compresse oro-dispersibili (le cosiddette tablet) che si sciolgono in pochi secondi, oppure compresse che si sciolgono in un minuto circa una volta messe sotto la lingua, composte da allergeni di graminacee, e utilizzate in caso di oculo-rinite allergica ai pollini di graminacee. “Tali compresse, che hanno ottenuto da parte dellAgenzia italiana del farmaco lautorizzazione allimmissione in commercio e quindi sono equiparate a farmaci – spiega Bernardini -, appaiono essere anche più efficaci dei farmaci sintomatici (ad esempio antistaminici, cortisonici) nella terapia delle fasi acute della rinite allergica alle graminacee

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.