Quotidiano di informazione campano

Politica il governo e’ un grande GUAZZABUGLIO

POLITICA ITALIANO RADIO PIAZZA NEWS

Cantiere ancora aperto per il decreto legge Dignità,  E’   diventato un grande guazzabuglio sul quale è in corso la maratona di voto sugli emendamenti delle commissioni Lavoro e Finanze della Camera in vista dell’approdo in Aula fissato a lunedì 30 luglio. Una delle modifiche approvate oggi riguarda colf e badanti, categorie che saranno escluse dall’aggravio dello 0,5% sul rinnovo dei contratti a termine previsto dal Dl. La norma, proposta dal Pd, evita che i costi aggiuntivi ricadano sulle famiglie che fanno ricorso al lavoro domestico. Via libera anche ad un emendamento dei relatori che trasforma automaticamente in assunzione stabile il contratto a tempo determinato per il quale, superati i 12 mesi, non siano stati indicate le causali. Il decreto consente le assunzioni a tempo senza causali solo nel primo anno di attivazione.

Contratti in essere, fase transitoria fino al 31 ottobre
L’esame in commissione ha chiarito anche la durata temporale della stretta sui contratti a termine introdotta dal decreto. Lemendamento approvato in materia prevede infatti un periodo transitorio (fino al 31 ottobre) nel quale si potranno applicare le vecchie regole ai contratti già in essere, per dare più tempo alle imprese per adeguarsi.

Per agricoltura e turismo voucher fino 10 giorni

Molto attesa anche la regolamentazione dei “buoni lavoro”. L’emendamento varato dalle commissioni modifica la normativa sui cosiddetti ”nuovi voucher”, con novità in particolare per il settore agricolo e quello turistico. Le imprese agricole e le strutture ricettive fino a 8 dipendenti potranno utilizzare i ”buoni” «con riferimento ad un arco temporale non superiore a 10 giorni» dalla loro emissione. Per gli altri settori economici, in base alla legge 96/2017, lo strumento può essere utilizzato in aziende fino a 5 dipendenti e per tre giorni. L’estensione del periodo di fruibilità dei buoni riguarda anche gli enti locali. Per i sindacati agricoli, che hanno indetto una nuova mobilitazione tra il 31 luglioe il 1° agosto, si tratta di un provvedimento «profondamente sbagliato». Di parere opposto Coldiretti, convinta che la reintroduzione (che si applica solo a lavoro stagionale, pensionati, studenti, cassintegrati e disoccupati) consentirà di «riportare in trasparenza» circa 50mila posti di lavoro occasionale.

Compensazione debiti-crediti Pa anche per il 2018
Le commissioni hanno poi confermato anche per il 2018 la possibilità per professionisti e imprese titolari di crediti verso la Pa di compensare i debiti delle cartelle esattoriali. L’emendamento approvato, sottoscritto da tutte le forze politiche, estende tale opzione all’anno in corso con riferimento ai carichi affidati agli Agenti della riscossione entro il 31 dicembre 2017. La versione originale della proposta di modifica (primo firmatario Baldelli, Forza Italia), a cui il governo aveva dato inizialmente parere contrario, prevedeva che la compensazione fosse resa strutturale. Baldelli si è quindi impegnato a riproporre la stessa modifica in Aula.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.