Quotidiano di informazione campano

POLITICA.LA CAMPANIA IN ARANCIONE MA IL SETTORE H.O.R.E.C.A. E’ IN PROFONDO ROSSO

Lopa e Catapano: zona arancione ristoratori e bar allo stremo occorrono subito nuovi interventi si conferma l'inadeguatezza del governo e la confusione sulla comunicazione

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Con il decreto del Ministro della salute, la Campania viene classificata come zona arancione nonostante il netto miglioramento dei dati epidemiologici. Purtroppo il passaggio di colore della nostra regione modifica poco le restrizioni previste dalla precedente zona rossa in quanto consente solo la mobilità all’interno del comune e l’apertura dei negozi di abbigliamento calzature e gioiellerie, unici settori chiusi dal precedente dpcm. Per il comparto della ristorazione dei bar e dei servizi turistico alberghiero continua il periodo nero in quanto in zona arancione sono confermate le restrizioni e di fatti la loro chiusura. Siamo molto perplessi e non  capiamo come mai per il Governo, a guida PD M5S, queste due categorie sono considerati come gli “untori” e non consenta loro di lavorare. Siamo fermamente convinti che sia giunto il momento che le porte dei ristoranti,  pizzerie, trattorie, paninoteche, bar, pasticcerie, panifici e tutto il comparto legato al sistema HORECA, devono riaprire al pubblico per poter far si che i numerosi lavoratori e tutta la filiera  che ruota intorno a questo settore, che rappresenta, non lo dimentichiamo, un importante volano economico e sociale non solo per la nostra regione ma di tutta la Nazione, ritorni a respirare. In alternativa alle restrizioni da “Profondo Rosso”, chiediamo che vengano prese misure serie di sostegno per le attività che devono restare ancora chiuse, di fare un attento monitoraggio e verificare per i prossimi giorni la possibilità di  consentire l’apertura, seppur vincolata agli orari, delle attività della ristorazione. Ad ora sono stati dati dei ristori, che sono vere e proprie miserie che non consentono alle aziende di andare avanti poiché nonostante la chiusura sono costrette ad affrontare spese vive che richiedono una notevole liquidità come i fitti e le utenze, e purtroppo i tanto decantati crediti di imposta a nulla servono per dare sollievo a queste categorie, in quanto per accedervi bisogna prima aver pagato,  senza la precitata liquidità è impossibile, e se non si fattura non ci sona tasse da pagare quindi diventano alquanto inutili. A fronte di queste sacrosante motivazioni, chiediamo una sterzata al governo a favore di queste categorie per far si che centinaia di imprese non chiudano e migliaia di lavoratori non finiscano per strada. Così gli esponenti di Fratelli d’Italia, Partito di Giorgia MELONI, Alfredo CATAPANO, Responsabile Provinciale Dipartimento Commercio e PMI e di Rosario LOPA,Rappresentante della DESTRA SOCIALE.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.