Quotidiano di informazione campano

Pompei, Marrone: stop a guerriglia su Scavi, danno enorme per l’Italia

Il presidente Confapi jr: «Sì a diritti dei lavoratori, ma sindacati si calmino»

0

NAPOLI – «Gli Scavi di Pompei, i turisti, Napoli e l’Italia non possono pagare il prezzo dello scontro tra i sindacati e la Sopritendenza. C’è bisogno di una presa di coscienza collettiva».

A dirlo è Raffaele Marrone, presidente del gruppo Giovani Confapi di Napoli.

«Le denunce e i cancelli chiusi non aiutano il dialogo – aggiunge Marrone –. I sindacati hanno il diritto di tutelare i lavoratori ma hanno anche il dovere di non cadere nel facile errore di confondere la rivendicazione con la contrapposizione».

«Gli Scavi di Pompei sono uno degli asset turistico-culturali più importanti al mondo e portatori di benessere e occupazione per un intero comprensorio: migliaia di persone vivono, direttamente o grazie all’indotto, per il tramite del sito archeologico. I sindacati – sostiene Marrone – non possono considerarlo una “proprietà” di cui disporre liberamente».

«La Sopritendenza, i lavoratori e le stesse sigle sindacali depongano le armi e trovino un punto d’intesa – conclude il numero uno della Confapi jr – perché lo spettacolo offerto, in questi giorni, è assai poco commendevole».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.