Quotidiano di informazione campano

PORTE DA CALCIO A RISCHIO CROLLO NEL PARCHEGGIO ANTISTANTE LA SEDE DISTACCATA DEL TRIBUNALE DI ISCHIA: SI INTERVENGA IMMEDIATAMENTE, PRIMA CHE SI SCHIANTI ADDOSSO A QUALCHE RAGAZZINO

Radio piazza news

0

Sull’isola d’Ischia si scende nuovamente in piazza per dire no agli abbattimenti delle prime case di necessità. A organizzare la manifestazione di protesta che si terrà a Forio giovedì 9 aprile, è stato il PCIML guidato dal Segretario generale Domenico Savio, il Consigliere comunale di Forio da sempre impegnato nella battaglia per chiedere la regolamentazione delle abitazioni di necessità e la demolizione dell’abusivismo edilizio affaristico e speculativo. L’appuntamento è fissato per le ore 17,00 in piazza Maria Santissima Immacolata a Monterone da dove, alle 17.30, partirà il corteo che giungerà sul piazzale Cristofaro Colombo, dove si terrà un comizio, e proseguirà in via Giacomo Genovino per terminare nel piazzale antistante il nuovo Municipio, dove sarà chiesto al Sindaco di Forio Francesco Del Deo di ricevere una delegazione del P.C.I.M-L. e dei manifestanti affinché possano rappresentarGli le ragioni della manifestazione, la quale si concluderà con la comunicazione ai manifestanti dell’esito dell’incontro. La decisione di svolgere la manifestazione a  Forio non è casuale ma è stata dettata dal fatto che all’ombra del Torrione sono tantissime le famiglie terrorizzate dal possibile abbattimento della propria unica abitazione visto che in questi ultimi mesi sono stati chiesti alla Cassa Depostiti e Prestiti mutui per circa 500.000 euro che serviranno per effettuare le prossime demolizioni. Cari cittadini dell’isola d’Ischia, per fermare le ruspe di Stato occorre mobilitarsi e lottare affinché in Parlamento il potere politico di centro, centrodestra e centrosinistra legiferi a difesa del nostro diritto alla casa. All’importante manifestazione di piazza indetta dal PCIML per dire basta alla tragedia umana e sociale degli abbattimenti delle prime case di necessità sono invitati a partecipare tutti i cittadini dell’isola d’Ischia, i comunisti e tutte le forze politiche, sindacali e sociali democratiche, progressiste e antifasciste. Per la difesa dei principi democratici e antifascisti della costituzione repubblicana italiana non e’ ammessa la presenza di persone, partiti, movimenti e associazioni dalla cultura politica e sociale della destra neofascista, identitaria, qualunquista, populista e reazionaria.radio piazza news

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.