Quotidiano di informazione campano

Precipita un Cessna e va fuoco: pilota e passeggero carbonizzati

0

“Abbiamo visto sentito un rumore strano, come quello di un’automobile col motore rotto. Poi abbiamo visto l’aereo che sfiorava le vette degli alberi. Un momento di silenzio e poi un’esplosione seguita dal fumo. Tanto fumo”.Raccontano così gli abitanti del quartiere limitrofo al Divino Amore, l’incidente aereo che è costato la vita a pilota e copilota di un Cessna, precipitato poco prima di pranzo su via di Fioranello.Aggiunge un ragazzo fermo al distributore della zona “Molino”: “L’ho visto bene sembrava quasi che fosse rimasto senza benzina”.

cessna caduto ardeatina 07Guarda la galleryAi vigili del fuoco il drammatico compito di spegnere l’incendio che si è propagato dopo il tonfo nell’area di uno sfasciacarrozze e di cercare i resti.Secondo quanto si è appreso, le persone che si trovavano nella struttura sono riuscite a mettersi in salvo. L’incendio, adesso sotto controllo, ha interessato circa 30 macchine. Nel deposito c’erano anche delle bombole del gas che, fortunatamente, non sono esplose. Da una prima ricostruzione sembra che il velivolo sia precipitato improvvisamente per cause ancora da accertare.Era partito dall’aeroporto di Montichiari ed era diretto a quello dell’Urbe il Cessna precipitato in via di Fioranello, nell’area di un deposito giudiziario.
Lo si apprende da fonti di polizia. Le due persone che stavano effettuando delle riprese aerofotogrammetriche che al momento non sarebbero ancora state trovate.
La zona è stata chiusa al traffico dalla polizia municipale. Sul posto polizia di stato, carabinieri e 118.Secondo quanto si è appreso, le due vittime erano originarie di Brescia e Trieste e avevano 39 e 50 anni. Il velivolo era diretto all’aeroporto dell’Urbe ed era un volo finalizzato a rilievi aerofotogrammetrici. L’area dello sfasciacarrozze dove si è schiantato il Cessna è stata messa sotto sequestro.A quanto riferito, al mometo dell’incidente all’interno c’erano alcuni lavoratori che sono riusciti a mettersi in salvo. Ancora da accertare le cause dell’incidente

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.