Quotidiano di informazione campano

“Premio Terre di Campania”: una sesta edizione ricca di novità

Venerdì 6 dicembre presso il Convento Santuario di San Vito, la cerimonia di premiazione con ospiti d'eccezione.RADIO PIAZZA EVENTI

Torna, per la sua sesta edizione, il “Premio Terre di Campania” riconoscimento istituito nel 2014 dall’Associazione Culturale Terre di Campania quale riconoscimento alle personalità campane che per il loro operato, si sono distinte in vari campi: enogastronomia, cultura, arte, spettacolo, impresa, ricerca, turismo, mondo sociale, sport. Venerdì 6 dicembre 2019, a partire dalle 19.30, presso il Santuario della Madonna della Speranza, Convento dei Frati Minori di San Vito in Marigliano, si terrà la cerimonia di consegna dei premi assegnati da una speciale commissione composta da personalità di spicco del nostro territorio. Tra i premiati di quest’anno figurano: Vincenzo Calise, vice-direttore del Tg2; Franco Roberti, magistrato ed eurodeputato; Maria Felicia De Laurentiis, Prof.ssa di Astronomia e Astrofisica alla Federico II di Napoli e il Duo Ebbanesis. Una sezione speciale del premio sarà dedicata a personalità eccellenti originarie del Comune di Marigliano, luogo in cui ha sede l’Associazione Culturale Terre di Campania. In tale sezione, saranno premiati: i Fratelli Minale, stimati musicisti, i professori Franco Trifuoggi ed Antonio Cassese e l’imprenditore Costantino Sasso. Ai vincitori sarà consegnata, come premio, un’opera d’arte realizzata dall’artista Evan De Vilde, fondatore dell’Archeorealismo. L’edizione 2019 del “Premio Terre di Campania” ha aperto, inoltre, alla partecipazione delle scuole con il Concorso Scientifico-Letterario Leo 500, destinato agli allievi delle scuole secondarie di secondo grado invitati a presentare lavori sul tema: “Le nostre acque, il nostro mare. Salviamo la vita, eliminiamo la plastica.”  In palio borse di studio nel segno di Leonardo Da Vinci. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con TermoClima Group, in partenariato con il Comune di Marigliano e con il sostegno della Regione Campania. Quest’anno il Premio Terre di Campania si arricchisce, inoltre, di altre interessanti iniziative collaterali, quali l’esposizione di arte contemporanea “La Campania Eccellente” e gli spettacoli musicali “Spaghetti Western” di Salvatore D’Avino e il concerto del gruppo folkloristico Suddaria in Piazza Municipio a Marigliano, rispettivamente nei giorni 28 e 30 dicembre alle ore 20.30. Il Premio Terre di Campania si presenta, dunque, ancora una volta con un momento di estremo valore sociale: punta i riflettori sulle eccellenze campane, su coloro che conferiscono lustro alla nostra regione e che, con la loro storia ed esperienza, sono un motivo di orgoglio per il territorio. Un’occasione da non perdere per conoscere il buono e il bello del nostro territorio.

Torna, per la sua sesta edizione, il “Premio Terre di Campania” riconoscimento istituito nel 2014 dall’Associazione Culturale Terre di Campania quale riconoscimento alle personalità campane che per il loro operato, si sono distinte in vari campi: enogastronomia, cultura, arte, spettacolo, impresa, ricerca, turismo, mondo sociale, sport. Venerdì 6 dicembre 2019, a partire dalle 19.30, presso il Santuario della Madonna della Speranza, Convento dei Frati Minori di San Vito in Marigliano, si terrà la cerimonia di consegna dei premi assegnati da una speciale commissione composta da personalità di spicco del nostro territorio. Tra i premiati di quest’anno figurano: Vincenzo Calise, vice-direttore del Tg2; Franco Roberti, magistrato ed eurodeputato; Maria Felicia De Laurentiis, Prof.ssa di Astronomia e Astrofisica alla Federico II di Napoli e il Duo Ebbanesis. Una sezione speciale del premio sarà dedicata a personalità eccellenti originarie del Comune di Marigliano, luogo in cui ha sede l’Associazione Culturale Terre di Campania. In tale sezione, saranno premiati: i Fratelli Minale, stimati musicisti, i professori Franco Trifuoggi ed Antonio Cassese e l’imprenditore Costantino Sasso. Ai vincitori sarà consegnata, come premio, un’opera d’arte realizzata dall’artista Evan De Vilde, fondatore dell’Archeorealismo. L’edizione 2019 del “Premio Terre di Campania” ha aperto, inoltre, alla partecipazione delle scuole con il Concorso Scientifico-Letterario Leo 500, destinato agli allievi delle scuole secondarie di secondo grado invitati a presentare lavori sul tema: “Le nostre acque, il nostro mare. Salviamo la vita, eliminiamo la plastica.”  In palio borse di studio nel segno di Leonardo Da Vinci. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con TermoClima Group, in partenariato con il Comune di Marigliano e con il sostegno della Regione Campania. Quest’anno il Premio Terre di Campania si arricchisce, inoltre, di altre interessanti iniziative collaterali, quali l’esposizione di arte contemporanea “La Campania Eccellente” e gli spettacoli musicali “Spaghetti Western” di Salvatore D’Avino e il concerto del gruppo folkloristico Suddaria in Piazza Municipio a Marigliano, rispettivamente nei giorni 28 e 30 dicembre alle ore 20.30. Il Premio Terre di Campania si presenta, dunque, ancora una volta con un momento di estremo valore sociale: punta i riflettori sulle eccellenze campane, su coloro che conferiscono lustro alla nostra regione e che, con la loro storia ed esperienza, sono un motivo di orgoglio per il territorio. Un’occasione da non perdere per conoscere il buono e il bello del nostro territorio.

 

 

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.