Quotidiano di informazione campano

Preparavano attentati con bombe a due caserme dei carabinieri nel casertano, disarticolata frangia clan dei casalesi: 17 arresti [tutti i nomi]

0
CRONACA | Grazzanise

– All’alba di oggi i Carabinieri della Compagnia di Santa Maria Capua Vetere hanno eseguito, in provincia di Caserta, una vasta operazione finalizzata a disarticolare ma consorteria criminale affiliata alla fazione “Schiavone/Zagaria”, appartenente al clan camorristico dei casalesi, operante nei Comuni di Grazzanise e Santa Maria La Fossa. L’attività d’indagine, condotta dai militari della Stazione di Grazzanise coordiiati dalla Procura Distrettuale Antimafia Antimafia (Dott. Antonello Ardituro, Dott. Giovanni Conso e Dott. Patrizia Dongiacomo), ha portato all’esecuzione di 17 ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di altrettante persone, gravemente indizliate di partecipare ad ufiorganizzazione per delinquere di stampo mafioso deliìta stabilmente alle estorsioni con le modalità del metodo mafioso ed alla detenzione di anni finalizzata ad agevolare il clan dei casalesi. Particolare impulso investigativo alle attività di indagine è stato fornito dal Comandante della Compagnia Carabinieri di Santa Maria Capua Vetere Cap. Vincenzo Carpino, dal Mar. Ca. Baldassare Nero e dal Maresciallo Capo Luigi De Santis attuale comandante della stazione Carabinieri di Grazzanise (CE).
“Nell’ambito delle attività investigative svolte – spiega una nota della Direzione Distrettuale Antimafia a firma del procuratore Aggiunto Federico Cafiero De Rao – e già oggetto di precedente provvedimento, era emerso che il gruppo criminale nell’agosto del 2009 aveva organizzato un attentato dinamitardo nei confronti del Comando Stazione Carabinieri di Grazzanise e della Compagnia di Santa Maria Capua Vetere, quale ritorsione per la pressione investigativa esercitata nei confronti dei gruppi camorristi locali. Il piano doveva prevedere l’esplosione di due bombe nei pressi delle citate caserme in conseguenza delle operazioni di repressione che avevano condotto all’esecuzione di ventuno provvedimenti di fermo nei confronti del Clan Amato operante nel Comune di Santa Maria Capua Vetere e di nove ordinanze di carcerazione eseguite dai carabinieri di Grazzanise nei confronti di esponenti facenti parte del gruppo di Cacciappuoti Alfonso, all’epoca capozona dei casalesi, nell’ambito dell’operazione nota con il nome di “Cento Passi”.
Tale insane gesto fu sventato grazie alla collaborazione con la giustizia di una persona vicina ad uno dei soggetti che aveva avuto l’incarico di compiere l’atto criminale. Solo tramite un imponente servizio di vigilanza ed alle attività tecniche di intercettazione, si riuscì a scongiurare l’attentato che era stato organizzato. Nel corso dell’attività investigativa furono sequestrate armi e munizionamento da guerra illegalmente detenute da uno dei destinatari odierni del provvedimento cautelare ed in quella circostanza furono rinvenuti anche quattro ordigni artigianali. L’attività investigativa, in prosieguo, ha permesso di far luce su numerosi episodi estorsivi nei confionti di imprenditori e commercianti avvenuti nei Comuni di Grazzanise e Santa Maria La Fossa ad opera dei nuovi referenti di zona del clan. In particolare è emersa in maniera cristallina l’illecita abitudine di richiesta estorsiva per alimentare le casse del clan da pagare in prossimità di Pasqua, Natale e Ferragosto. (ratei dai mille euro fino a cinque mila euro in base alla capacità produttiva dell’attività commerciale.
Gli accertamenti hanno permesso di acclarare la consumazione di 27 estorsioni per le quali in ben dieci occasioni gli inquirenti hanno trovato successivamente la collaborazione delle vittime che hanno confessato di essere vessate da referenti del clan in determinati perio di dell’anno. A riscontro del fatto che l’attività estorsiva era fiorente e costituiva la principale fonte di alimentazione delle fila del clan, in data 13 agosto 2012 i militari traevano in arresto, su esecuzione di un decreto di fermo del P.M., Del Villano Romolo, per estorsione a danno di un imprenditore agricolo. ll gruppo criminale aveva la disponibilità di un corposo numero di anni, alcune delle quali rinvenute in Cancello ed Amone. Presso l’abitazione in uso a Ianuario Alfonso, fratello di Ianuario Biagio, attualmente ritenuto referente di zona di quel centro del clan dei casalesi.
Le indagini sono state compiute attraverso intercettazioni telefoniche ed interrogatori di collaboratori di giustizia alcuni dei quali recentemente hanno iniziato a collaborare dopo i primi arresti compiuti sul territorio. Nell’ambito dell’operazione è stato eseguito anche un decreto di sequestro preventivo avente ad oggetto una sala scommesse gestita da un prestanome del citato Cacciapuoti”.
Ecco tutti gli arrestati: CACCIAPUOTI Alfonso cl. 58; CONTE Giuseppe, cl. 67; COPPOLA Luigi cl. 83; DE BIASE Gaetano cl. 67; DEL VILLANO Romolo cl. 61; DIANA Elio cl. 59; GRASSO Davide cl. 72; IANUARIO Alfonso cl. 70; IANUARIO Biagio cl. 77; MARTINO Luisa cl.63; MERCADANTE Antonio cl. 78; NOBILE Amerigo cl. 80; SANTAMARIA Antonio cl. 75; PALUMBO Gerardo cl. 63; SIMONELLI Giovanni cl. 68; SCIALDONE Maria Carmina cl. 56; TUCCI Gioacchino cl. 57.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.