Quotidiano di informazione campano

Presto farmaco per malattie da eccessivo consumo carne rossa

LE NEWS DAL MONDO,RADIO PIAZZA SALUTE

0

Washington, 5 nov. – In futuro sara’ possibile avere un farmaco in grado di far diventare la carne rossa una pietanza sana. Un gruppo di ricercatori del Lerner Research Institute (Usa) ha scoperto i processi che portano all’accumulo di placche che intasano le arterie, promuovendo l’aterosclerosi.

  L’accumulo di queste placche limitano il flusso sanguigno e possono danneggiare gli organi. Inoltre la loro rottura puo’ scatenare ictus o infarti. I ricercatori hanno scoperto, in uno studio pubblicato su Cell Metabolism, che i batteri intestinali innescano una reazione chimica quando incontrano la L-carnitina, una sostanza nutritiva che e’ abbondante nella carne rossa. Questa reazione porta alla produzione di un metabolita, chiamato gamma-butirrobetaina, che favorisce l’accumulo delle placche 1000 volte piu’ veloce di qualsiasi altra sostanza. Lo scorso anno lo stesso gruppo di scienziati ha scoperto che questo processo batterico porta anche a una reazione chimica separta che porta alla produzione della molecola ‘trimetilammina-N-ossido’, nota per promuovere depositi di grassi nelle arterie, anche se in quantita’ piccole. I ricercatori sono convinti che un farmaco o un probiotico potrebbero cambiare i batteri intestinali e prevenire la produzione dui queste molecole “cattive”. In questo modo mangiare la carne rossa diventerebbe meno pericoloso per la salute. .

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.