Quotidiano di informazione campano

Tutto pronto per l’appuntamento di domani a Lauro (Avellino) con esperti a confronto su “Ansia, dolore e depressione tra neurologia e psichiatria”. Una visione unica del paziente che consideri la dimensione dolorosa, quella psicopatologica e quella “organica”. Presenzierà anche il Rettore dell’Univ. Federico II Gaetano Manfredi.

SALUTE OGGI .Radio piazza eventi avellinesi

0

Tutto pronto per l’appuntamento di domani, sabato 25 marzo 2017, con il convegno “Ansia, dolore e depressione tra neurologia e psichiatria” incentrato sui “circoli viziosi in cui il dolore alimenta l’ansia e la depressione, e queste a loro volta incrementano la percezione e l’amplificazione del dolore”, promosso dal professor Bruno Ronga, direttore della Neurologia stroke del Cto di Napoli.

Si tratta di una visione del paziente che consideri in una prospettiva unica la dimensione dolorosa, quella psicopatologica e quella più propriamente “organica”, e individuare approcci terapeutici in grado di intervenire, con il minor numero di farmaci, sul maggior numero possibile di sintomi. Se ne discuterà a partire dalle ore 8,30, presso la Sala Consiliare “San Filippo Neri” di Lauro (Av), con un confronto fra neurologi ed esperti di fama internazionale.

Responsabile scientifico è il professor Bruno Ronga, direttore della Neurologia stroke del Cto di Napoli.

Oltre ai membri del comitato scientifico, porteranno il loro saluto il Dottor Giuseppe Longo, Direttore generale A.O.R.N. “Ospedali dei Colli”, il Direttore Sanitario del Cto Cosimo Maiorino, il Rettore dell’Università Federico II di Napoli Gaetano Manfredi, il dottore Giuseppe Matarazzo Direttore Sanitario aziendale A.O.R.N. “Ospedali dei Colli”.

Tanti i temi che saranno affrontati nel corso delle due sezioni di lavoro previste: dal disturbo d’ansia, ai collegamenti tra ansia depressione ed emicrania; si parlerà anche dell’ictus celebrare, di Alzheimer, di dolore neuropatico nel diabetico. «La condizione di malattia – spiega il prof. Bruno Ronga -, spesso quando è cronica, non può non comportare ripercussioni psicologiche sulla persona, che possono complicare l’approccio del clinico alla malattia sia sotto il profilo diagnostico che della gestione terapeutica. Talora il legame è ancora più stretto, in quanto  moventi patogenetici che hanno causato i sintomi fisici della malattia risultano comuni a quelli che ne determinano i sintomi psicologici. Casi emblematici in questo senso sono le cefalee, le demenze, la malattia di Parkinson. Si innescano spesso meccanismi di causalità circolare, che si traducono in circoli viziosi».RADIO PIAZZA EVENTI

 

 

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.