Quotidiano di informazione campano

Quote latte, perquisite le sedi del Lega

0

“Il Carroccio non centra, linchiesta riguarda una società che non centra niente con la Lega”, ha commentato il segretario lumbard assicurando che la Finanza non ha trovato nulla.“Non sono uno che parla di complotti giudiziari, non lo farò mai”, ha commentato Roberto Maroni che, tuttavia, reputa strano che certe inchieste riguardino solo la Lega e il Pdl mentre per le opposizioni se ne parla sempre dopo le elezioni. Non ci devono essere imputati di serie A che vanno alla gogna e imputati di serie B”. “La notizia riportata oggi da alcune agenzie di stampa e da alcuni siti web, ovvero che io e Bossi avremmo chiesto limmunità per contrastare lazione investigativa della Guardia Di Finanza avvenuta ieri presso la sede della Lega di via Bellerio, è totalmente falsa e priva di ogni fondamento. La Lega non centra nulla con questa indagine che riguarda una società cooperativa privata che non ha alcun rapporto con il movimento” ha precisato segretario federale della Lega Nord. Poi: “La Guardia di Finanza voleva solo acquisire documenti che riguardano un dipendente della Lega e si è recata quindi sul luogo di lavoro del suddetto dipendente, cioè la sede di via Bellerio. Invito pertanto i tutti mezzi di informazione di dare conto di questa mia categorica smentita. Ho inoltre dato mandato al mio avvocato di perseguire legalmente chi ha diffuso questa notizia falsa e tutti coloro che non dovessero dare conto della falsità della notizia stessa”.Ieri le sedi dei lumbard a Milano in via Bellerio e a Torino in via Poggio sono state perquisite dai finanzieri che hanno portato via materiale cartaceo e informatico nellambito dellinchiesta sulle quote latte partita, nei mesi scorsi, dal fallimento della cooperativa “La Lombarda”, travolta da un buco di circa 80 milioni di euro (in passato è stato condannato per il crack il legale rappresentante). Oltre alla bancarotta, gli inquirenti ipotizzano anche la corruzione perchè si sospetta di presunti versamenti di mazzette a funzionari pubblici e politici per interventi sia ministeriali che legislativi a favore degli agricoltori per ritardare i pagamenti sulle quote latte da versare allUnione Europea. Secondo stime che la procura di Milano reputa attendibili, “nella frode delle quote latte mancherebbero allappello 4 miliardi di euro”, che lItalia avrebbe dovuto versare a Bruxelles.Al momento del blitz delle Fiamme Gialle, che è durato fino a tarda notte, erano presenti anche Umberto Bossi, Maroni, Roberto Calderoli e Roberto Cota. Su alcuni uffici i rappresentanti del Carroccio hanno sollevato la questione dellimmunità parlamentare. “Le perquisizioni – spiegano fonti investigative – hanno avuto ‘esito parziale’ perché gli esponenti della Lega hanno opposto limmunità parlamentare degli uffici della Lega”. Ieri sono state subito sentite come testimoni la segretaria del Senatùr Daniela Cantamessa e la segretaria amministrativa della sede leghista a Torino Loredana Zola. Anche le abitazioni delle due donne sono state perquisite. In passato erano stati sentiti anche gli ex ministri dellAgricoltura Giancarlo Galan e Luca Zaia, lex presidente dellAgenzia per le erogazioni per lagricoltura Dario Fruscio e lex capo di gabinetto del ministero delle Politiche agricole Giuseppe Ambrosio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.