Quotidiano di informazione campano

Rassegna stama DI OGGI 16 LUGLIO con Radio Antenna Campania News,

NOLA ALLE ORE 530 SU RADIO ANTENNA CAMPANIA

Passi in avanti per la succursale dell’università Parthenope a Nola, le sedi temporanee saranno il centro polivalente comunale e l’auditorium comunale del Rione Gescal;

Restituite dai carabinieri alla Diocesi di Nola 6 angeli putti del Vaccaro risalenti al ‘700, erano stati rubati negli anni Settanta dalla Chiesa di Santa Maria del Plesco a Casamarciano;

Fermati 3 minorenni a bordo di un’auto a Marigliano, dopo i controlli la vettura è risultata essere stata rubata il giorno prima a Somma Vesuviana;

Sequestrati 1 milione di accessori per sigarette a Napoli, il materiale era esposto in settori poco visibili dei negozi per evitare di destare sospetti;

Scoperta a Somma Vesuviana una vera e propria fabbrica per documenti falsi, in un garage c’erano oltre 30 macchinari per la fabbricazione;

Emergenza a Casamarciano, il paese non ha ancora un medico di famiglia, il sindaco minaccia di scrivere alla Procura della Repubblica.

M5S, Ciarambino “Artigianato, puntare su formazione dei giovani e internazionalizzazione”

La candidata alla presidenza della Regione: “Il Made in Campania per rilanciare le Pmi”

“Il settore dell’artigianato locale è fatto di eccellenze che non sono state adeguatamente valorizzate e che sopravvivono nonostante la politica. Per assicurare un futuro a questo comparto occorre innanzitutto puntare sulla formazione delle nuove generazioni”. Lo ha dichiarato Valeria Ciarambino, candidata del Movimento 5 Stelle alla presidenza della Regione Campania, a margine di un incontro nella sede di Casartigiani.

“Occorre riannodare i fili tra mondo delle imprese artigiane e coloro che vengono formati e a cui viene insegnato il mestiere, perché la formazione torni ad essere un’opportunità vera per inserirsi nel mondo del lavoro. Altro tema fondamentale è l’internazionalizzazione. Vogliamo che il Made in Campania arrivi in tutto il mondo. Il Governo ha messo a disposizione risorse per un miliardo e 400 milioni che non possono andare sprecate, ma con le quali possiamo e dobbiamo supportare le nostre piccole e medie imprese per avere accesso a questi fondi e arrivare su nuovi mercati esteri”.                                                                                     “Scarpe Rosse” di Maria Rosaria Omaggio presso Palazzo Reale di Napoli

Maipiùviolenzainfinita e Salvamamme presso Palazzo Reale di Napoli, hanno patrocinato insieme ai tanti altri prestigiosi Patrocini il meraviglioso spettacolo “Scarpe Rosse” di Maria Rosaria Omaggio, andato in scena con tutte le limitazioni dovute al Covid-19, regalando emozioni intense insieme a spunti di riflessione, rispetto all’annoso tema della violenza sulle donne. M. Rosaria Omaggio con questa piece teatrale ha sottolineato che la conquista della dignità delle donne, passa storicamente attraverso dure lotte e mortificazioni. Un elemento comune ai femminicidi colora di rosso e caratterizza gli epiloghi drammatici che portano all’ eliminazione di un essere umano chiamato DONNA. Quel rosso greve effetto della volontà di uccidere perché…” ne’ con me…ne’ senza di me”… Troppo spesso ancora oggi vediamo il sangue versato, di chi ha un unica colpa, desiderare di riprendersi la vita, rispetto a un uomo che anche se colpevole spesso resta impunito. “Con me oppure senza di me…mi chiamo Eva come tutte le donne morte di femminicidio” questa è la conclusione di Maria Rosaria Omaggio, che ha raccontato le sue donne nella meravigliosa cornice di del Palazzo Reale. Facendolo con pathos e leggiadria, frutto di una sua personale ed esaustiva ricerca storica sui personaggi raccontati con dovizia di particolari, che hanno lasciato col fiato sospeso gli spettatori seduti nel cortile d’ onore. Donne che vengono da lontano ma che ci hanno insegnato a lottare. E poi  la voce narrante di Pino Quartullo, che dopo i racconti nefasti di uomini crudeli, chiede scusa per appartenere a una categoria che spesso per puro egoismo e egocentrismo, si macchia di azioni efferate. Un meraviglioso corpo di ballo ha arricchito lo scenario emozionando per la scelta dei costumi. Un contributo da parte di Maurizio De Giovanni che chiede scusa e lo fa… più e più volte. ” mi vergogno di essere maschio, se maschio vuol dire uccidere una donna che non si assoggetta”Alla fine della rappresentazione teatrale è seguito un confronto fra donne , in prima linea, Elisabetta Garzo prima donna Presidente del Tribunale di Napoli,“Sono stata la prima ad aver applicato la pena di trent’anni ad un caso di femminicidio “ la vittima era Veronica Abbate. La dott.ssa Virginia Ciaravolo Psicoterapeuta e Criminologa, Presidente MPVI e responsabile Salvamamme in Campania. ” ieri ho voluto sottolineare il peso delle parole che spesso i media usano nella  violenza di genere, una corretta narrazione del fenomeno, eviterebbe distorsioni, proprio com’è accaduto nel caso dei gemellino barbaramente uccisi dal padre” La Senatrice Valeria Valente invece “vorrei ricordare che più che nuove leggi, che ci sono e potrebbero andare anche bene, è importante l’applicazione delle stesse ricordandole tra i vari soggetti che necessariamente devono avere una formazione specifica”Infine la Giornalista Donatella Gimigliano, “L importanza dell’ associazionismo che sostenendo la causa, aiuta le donne”. Tante le iniziative, il Premio Camomilla, la Valigia di Salvataggio e altre iniziative che diventano preziosi alleati nella risoluzione del fenomeno. IL tutto moderato con professionalità e garbo dalla Giornalista Rai Adriana Pannitteri. Presente alla serata il regista Antonio Centomani che ha appena finito di girare un film che parla di violenza di genere; ” Resilienza” Presentato a Ischia. Per concludere la serata Rosa Praticò, Presidente di Officina delle idee e Vice presidente nazionale di maipiuviolenzainfinita, ha traghettato tutti gli ospiti da Re Nasone, una taverna che ricorda un re che amava stare con il popolo e per questo frequentava le taverne più famose. Raffaele Veneziano e Massimo De Lucia hanno voluto ricreare un’atmosfera che gli ospiti hanno gradito, degustando piatti tipici fatti con i migliori prodotti della nostra terra, una ringraziamento a Stefano Luciano che ha scelto per noi le primizie di stagione che sono state sapientemente trasformate dallo chef Davide Cannavale. Alla fine della serata, una torta creata apposta da Antonio Ferrieri che da sempre sostiene le buone prassi di maipiuviolenzainfinita ha suggellato un incontro che sicuramente vedrà i protagonisti impegnati a realizzare iniziative importanti a sostegno delle donne e dei minori.

E’ uscito per Neonpeetsa “Vaporwave” l’Ep di debutto di

4EST  

Il mio concept artistico” – spiega 4EST – “ruota attorno al movimento Vaporwave, microgenere che nasce e si sviluppa su internet. Musicalmente vive di espressioni quali il sampling e il rallentamento in stile lo-fi. Si aggiungono reminiscenze anni 80/90 in una sorta di retro-mania tesa a raffigurare un futuro mai arrivato. La vaporwave agisce attraverso una cultura accelerazionista in lotta contro una società in ”putrefazione”.  Le quattro tracce che compongono lEP “Vaporwave” svelano le problematiche più attuali e le paure più intime di tutte le generazioni. Quattro racconti, quattro spaccati di realtà.

E’ la nostalgia degli eighties il cardine del movimento vaporwave, che unisce la corrente musicale a quella estetica frullando electro indie, pop ipnagogico, smooth jazz, synthwave anni ’80, arricchendolo di effetti sonori che accelerano o rallentano i beat. Anche lumorismo è un elemento che diventa centrale fondendosi con tipiche azioni da nerd cibernetico. Questi elementi, da qualche anno, sono diventati un modus vivendi che esaltano gli aspetti controversi della vita moderna, delleconomia e del costume.

Vietri in Scena. La musica classica protagonista giovedì 16 luglio, h.21.00, con il Quintetto Martucci. Ingresso gratuito

Terzo appuntamento con “Vietri in scena“, la rassegna di spettacoli che si tiene ogni anno a Vietri sul Mare. La mainfestazione, fortemente voluta dal sindaco Giovanni De Simone e dell’assessore alla Cultura e al Turismo Antonello Capozzolo, diretta artisticamente dal maestro Luigi Avallone e presentata da Nunzia Schiavone, è stata realizzata in compartecipazione con il Conservatorio di musica di Salerno “Giuseppe Martucci”, una collaborazione che va avanti da oltre quarant’anni. Il concerto vedrà esibirsi sul palco della splendida Villa comunale, a picco sul mare, giovedì 16 luglio alle ore 21,00, il Quintetto Martucci, composto da Gaetano Falzarano – clarinetto;Tommaso Troisi – violino; Olena Vesna – violino; Francesca Senatore – viola; Francesca Taviani – violoncello. Inprogramma musiche di  G. Salieri, F.Danzi, W. A. Mozart. Il concerto verrà proposto nel pieno rispetto delle misure anti covid-19 prescritte. I posti disponibili per consentire le distanze di sicurezza sono 130, per cui si consiglia di arrivare con un po’ di anticipo perché non è possibile prenotarsi agli eventi. Ingresso gratuito.

NAPOLI – Coronavirus e amore, un binomio salvifico per Ester Picone

Nel lockdown perde il lavoro, ma realizza il sogno di una vita: diventare scrittrice. Romanzo d’esordio di una coraggiosa madre partenopea

Le emozioni, la ricerca travagliata di stabilità e serenità, il pressante desiderio di incontrare l’uomo dei propri sogni e, attraverso quest’ultimo, il vero amore. Un amore che salva, perché riempie di gioia e sana ogni ferita, assumendo su di sé ogni fragilità umana. È questa la condizione esistenziale di Monica, protagonista del romanzo L’amore che salva, opera d’esordio di Ester Picone.

Napoletana, 45 anni, l’autrice si è occupata per quasi trent’anni di contabilità e amministrazione, coltivando in segreto il sogno di dedicarsi alla scrittura. Il lockdown, con le sue nefaste conseguenze sulll’economia dell’intero Paese e non solo, le porta via il lavoro, ma le consente di dedicarsi alla scrittura e di realizzare così il sogno di una vitaL’amore che salva è il suo romanzo d’esordio, ma stile ed incisività lasciano presagire che leggeremo ancora sugli scaffali delle librerie il nome di Ester Picone.

L’opera racconta una storia che invita il lettore a riscoprire se stesso, al di là di un mondo fatto di apparenze, e a lottare per tutto ciò che desidera conquistare nella vita. Monica è una donna che riesce a badare a se stessa, a guardare al proprio futuro in modo positivo e propositivo, a non perdere di vista gli obiettivi che vuole raggiungere, sia sotto il profilo relazionale che sotto quello professionale. Dalla trama emerge chiaramente il mondo interiore della protagonista, che cerca di vivere in pienezza ogni situazione e di restare al contempo in ascolto delle proprie emozioni, dei propri desideri. Ed è proprio nella fitta rete di relazioni, di amicizie e storie d’amore che Monica sperimenta la difficoltà di prendere una scelta drastica, che non ammette ripensamenti: una scelta per riuscire ad essere davvero sincera con se stessa e dare una chiara direzione alla sua vita, un senso che va oltre l’ottenimento di piaceri effimeri dal retrogusto amaro.

«Questo romanzo – ha commentato lo scrittore Edoardo Cibelli, docente universitario, saggista e sacerdote – riesce bene a trasmettere, da una parte, la drammaticità e la fragilità della vita umana, nonché i limiti imposti dall’accoglienza dell’altro nel proprio orizzonte esistenziale, e, dall’altra, la bellezza, la novità, la possibilità di superare con fatica ogni ostacolo che separa dal bene ricercato».

Un’opera da leggere quest’estate, in riva al mare o al fresco della montagna, per rilassarsi ed emozionarsi, ma anche per elaborare una riflessione personale sulle tematiche dell’interiorità, degli affetti, delle relazioni d’amore.

PRESENTATO L’OSSERVATORIO ENPAIA-CENSIS CON IL PRIMO RAPPORTO SUL VALORE DELL’AGRICOLTURA PER L’ECONOMIA E LA SOCIETA’ ITALIANA POST COVID

Roma, 15 luglio 2020 – È stato presentato sul Canale YouTube Ital TV – https://www.youtube.com/watch?v=FK1HobxYmi4 – l’Osservatorio sul mondo agricolo ENPAIA-Censis con il Primo Rapporto dal titolo “Il valore dell’agricoltura per l’economia e la società italiana post Covid-19”. Obiettivo della ricerca è quello di raccontare il valore economico e sociale dell’agricoltura nelle sfide complesse del post Covid-19 e capire se questo settore può rappresentare uno dei motori di crescita nel Paese e favorire il rilancio dell’occupazione.

Un mondo agricolo dinamico e vitale

 

Dal Rapporto dell’Osservatorio, avviato prima dell’emergenza sanitaria, emerge la convinzione da parte degli italiani che l’agricoltura non è più il mondo residuale che l’ha caratterizzata in passato e all’arrivo della pandemia si dimostra in buona salute, dinamica e vitale, strategica per l’economia italiana, il turismo e lo sviluppo occupazionale tra i giovani. Un mondo di 732 mila imprese attive, quasi 900 mila addetti, 44 miliardi di euro di export con +26,2% reale nel 2014-2019 (+15,9% del totale economia). In particolare, il 96,1% degli italiani reputa l’agricoltura importante per l’economia italiana, l’86,5% la considera fonte essenziale di posti di lavoro e il 90,9% la ritiene utile per la promozione e l’attrattività turistica dei territori.

 

Dall’agricoltura nuova occupazione giovanile

 

 

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.