Quotidiano di informazione campano

Reddito di cittadinanza: cos’è, requisiti e ultime notizie

LA POLITICA ITALIANA LA GAZZETTA CAMPANA NEWS 6sicuro » News » Reddito di cittadinanza: cos’è, requisiti e ultime notizie Reddito di cittadinanza a chi spetta e requisiti Per accedere al reddito (quando sarà attivo) sarà necessario rispettare i seguenti requisiti: essere maggiorenni; ricerca attiva del lavoro; completamento di percorsi di formazione; disoccupazione involontaria; avere un reddito famigliare sotto la soglia di povertà che in Italia è calcolato a 780 euro mensili, importo che come visto cambierebbe poi anche in base al numero di familiari. Una delle premesse con cui nasce il reddito è proprio quella di riposizionare il lavoratore tramite percorsi guidati, così da migliorarne conoscenze e semplificare l’inserimento nel mondo del lavoro. Fondamentale rendersi disponibili nella fase di ricerca lavoro e soprattutto accettare le nuove posizione proposte. Si ha la possibilità di rifiutare tre proposte, così da trovare una situazione quanto più positiva ed adatta. Il terzo rifiuto comporterà la cessazione del reddito e quindi del sussidio. Non dimentichiamo che lo scopo ultimo del reddito è di permettere alle persone coinvolte di ritrovare quanto prima un lavoro e conseguentemente riottenere una situazione economica adeguata ed indipendente. Il governo ha identificato i Centri per l’impiego (Cpi) quali enti per la presa in carico e la gestione del sussidio. Per questo motivo sono stati previsti fondi iniziali per 1,5 miliardi di euro per il potenziamento dei Cpi le cui performance al momento sono ritenute piuttosto deludenti.

Il protrarsi della crisi economica ha reso difficili le condizioni di vita di molte famiglie ed il reddito di cittadinanza è diventato il protagonista del dibattito in Italia come in Europa.

Il Ministro del Lavoro, Di Maio, a margine della presentazione della nota di aggiornamento al DEF, ha annunciato che al reddito di cittadinanza verranno destinati 10 miliardi di euro, coinvolgendo 6 milioni di italiani che vivono in condizioni di povertà.

Le ipotesi tecniche per ora allo studio prevedono un contributo economico pari a 780 euro mensili per tre anni, con possibilità di proroga.

I 780 euro sono stati determinati considerando un cittadino single, dunque per situazioni diverse si attiverebbe un meccanismo di integrazione, in particolare:

  • per i pensionati dovrebbe essere necessario, secondo i tecnici, sommare in media circa 300 euro alla pensione minima o a quella sociale;
  • per un disoccupato o un lavoratore sotto la soglia di povertà, che percepiscono già forma minimale di reddito, i tecnici stimano saranno necessarie integrazioni pari a circa 480 euro medi mensili.
    Per accedere al reddito (quando sarà attivo) sarà necessario rispettare i seguenti requisiti:

    • essere maggiorenni;
    • ricerca attiva del lavoro;
    • completamento di percorsi di formazione;
    • disoccupazione involontaria;
    • avere un reddito famigliare sotto la soglia di povertà che in Italia è calcolato a 780 euro mensili, importo che come visto cambierebbe poi anche in base al numero di familiari.

    Una delle premesse con cui nasce il reddito è proprio quella di riposizionare il lavoratore tramite percorsi guidati, così da migliorarne conoscenze e semplificare l’inserimento nel mondo del lavoro.
    Fondamentale rendersi disponibili nella fase di ricerca lavoro e soprattutto accettare le nuove posizione proposte. Si ha la possibilità di rifiutare tre proposte, così da trovare una situazione quanto più positiva ed adatta. Il terzo rifiuto comporterà la cessazione del reddito e quindi del sussidio. Non dimentichiamo che lo scopo ultimo del reddito è di permettere alle persone coinvolte di ritrovare quanto prima un lavoro e conseguentemente riottenere una situazione economica adeguata ed indipendente.

    Il governo ha identificato i Centri per l’impiego (Cpi) quali enti per la presa in carico e la gestione del sussidio. Per questo motivo sono stati previsti fondi iniziali per 1,5 miliardi di euro per il potenziamento dei Cpi le cui performance al momento sono ritenute piuttosto deludenti. LA POLITICA ITALIANA LA GAZZETTA CAMPANA NEWS

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.