Quotidiano di informazione campano

Renzi a Squinzi-Camusso “Strana coppia non mi fermera’”

0

 Roma, 24 mar. – Gli attacchi di Confindustria e Cgil non lo scalfiscono e non intende fare passi indietro rispetto agli stipendi dei super manager: se a maggio gli impegni presi con gli italiani saranno rispettati, Matteo Renzi si dice disposto ad incassare qualsiasi tipo di polemica.
  Il presidente del consiglio ha preso al parola davanti ai microfoni del Tg1 rinunciando ai 140 caratteri di Twitter per rispondere alle prese di posizione della “strana coppia”, come lui stesso l’ha definita, composta da Susanna Camusso e Giorgio Squinzi. Strana perche’ per vent’anni, come ricordato dal premier, sindacato e industriali se le sono date di santa ragione mentre ora ” si arrabbiano” con il governo perche’ “ha abbassato l’Irap. Bene, ce ne faremo una ragione”, ha sottolineato Renzi con il sorriso sulle labbra: “L’importante e’ che l’italia si rimetta in moto”. E il registro non cambia nemmeno quando il discorso si sposta sui managere, per i quali il governo prevede un drastico abbassamento del tetto massimo degli stipendi: a dare voce agli scontenti e’ stato l’ingegner Mauro Moretti che ha minacciato, non solo di lasciare le Ferrovie dello Stato, ma l’Italia. “Resisteranno a parole”, ribatte Renzi, “ma poi e’ naturale che le cose cambino” perche’ “non e’ possibile che l’ad di un una societa’ guadagni mille volte piu’ di un operaio. Noi non molliamo, dobbiamo tornare a un principio di giustizia sociale”. Il modello, dunque, e’ quello di Olivetti e del rapporto 1 a 10 tra lo stipendio dell’operaio e quello del manager. Ma quella che si apre, sara’ una settimana fitta di impegni per Renzi. Impegn su tutti i frotni che lo vedono protagonista, dal governo al partito alla politica internazionale. Il paritto aspetta di vedere riorganizzata la segreteria dopo la nomina a ministri di quattro suoi membri, tra cui la ‘chiave di volta’ rappresnetata dal responsabile dell’organizzazioen. Per ora, il lavoro sembra fermo alla scelta del coordinatore (il vero reggente) individato – con ogni probabilita’ – nella persona di Lorenzo Guerini, e del portavoce che dovrebbe essere Debora Serracchiana, attuale responsabilie trasporti e infrastrutture del partito. Venerdi’ si riunira’ la direzione e non e’ escluso che, in quella sede, Renzi possa annunciare i nuovi ingressi in segreteria, magari al termine di un fitto giro di consultazioni telefoniche. Piu’ complessa la partita delle candidature europee, per risolvere la quale, tra emrcoledi’ e giovedi’, dovrebbe tenersi una riunione dei segretari regionali, alla presenza di Guerini, che indicheranno i candidati. In mezzo la visita del presidente americano, Barack Obama che il presidente del consiglio italiano accogliera’ mostrando “fierezza e orgoglio per i priogressi compiuto dall’Italia. Gli chiedero’ anche dei consigli”, a aggiutno Renzi, “perche’ in America le aziende sono tornate a investire e la disoccupazione a scendere”. Una ‘via americana’ alla ripresa che Renzi potrebbe applicare anche al Belpaese.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.