Quotidiano di informazione campano

Responsabilita’ toghe: riforma amplia area intervento, rivalsa al 50%

Italia politica da radio piazza news

0
SUPERAMENTO DEL FILTRO
Uno degli obiettivi del progetto del Governo e’ il superamento di ogni ostacolo frapposto all’azione di rivalsa, nei confronti del magistrato, che lo Stato dovra’ esercitare a seguito dell’avvenuta riparazione del pregiudizio subito in conseguenza dello svolgimento dell’attivita’ giudiziaria.CERTEZZA DELLA RIVALSA NEI CONFRONTI DEL MAGISTRATO
L’azione di rivalsa nei confronti del magistrato, esercitabile quando la violazione risulti essere stata determinata da negligenza inescusabile, diverra’ obbligatoria.

SINCREMENTO DELLA SOGLIA DELLA RIVALSA
S
ara’ innalzata la soglia dell’azione di rivalsa, attualmente fissata, fuori dei casi di dolo, a un terzo dell’annualita’ dello stipendio del magistrato: il limite verra’ incrementato fino alla meta’ della medesima annualita’.
Restera’ ferma l’assenza di limite all’azione di rivalsa nell’ipotesi di dolo.

COORDINAMENTO CON LA RESPONSABILITA’ DISCIPLINARE Saranno rafforzati i rapporti tra la responsabilita’ civile del magistrato e quella disciplinare. Un corretto funzionamento della responsabilita’ civile dei magistrati costituisce un “fondamentale strumento per la tutela dei cittadini ed un necessario corollario all’indipendenza ed all’autonomia della magistratura”, si legge nella scheda, ma “il meccanismo previsto dalla legge Vassalli adottato in esito al referendum abrogativo del 1987 ha funzionato in modo assolutamente limitato”. Tale legge, infatti, “pur condivisibile nell’impianto – rileva il ministero – prevede una serie di limitazioni per il ricorrente che, di fatto, finiscono per impedire l’accesso a questo tipo di rimedio e rendono poi aleatoria la concreta rivalsa sul magistrato ritenuto eventualmente responsabile. Si tratta, quindi, d’intervenire per rendere effettivo questo strumento”. Un’ulteriore esigenza di intervento e’ rappresentata, si legge ancora nella scheda on-line, dalle pronunce della Corte Europea di Giustizia, che sollecita una maggiore effettivita’ nelle procedure previste per il riconoscimento delle responsabilita’ conseguenti alla errata applicazione del diritto comunitario da parte del giudice

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.