Quotidiano di informazione campano

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

0

 

Nellimminenza delle prossime elezioni presidenziali USA, tutti i candidati hanno asserito di credere in Dio e di ispirarsi ad esso. In Italia invece, mai è accaduto che un solo personaggio politico facesse pubblica ammissione di fede. Peggio: mentre i reggenti americani nei loro interventi non si vergognano di mischiare lAltissimo alle cose umane, i governanti italiani fanno a gara nel riempirsi la bocca della parola laicità. Peccato che il concetto di laicità, vale a dire la distinzione tra ciò che è di Cesare e ciò che è di Dio, sia stato totalmente svuotato della sua concezione originaria confermata e voluta da Gesù stesso in persona. La declamata suprema laicità dello Stato non significa epurazione di ogni forma di religiosità simbolica o reale dal panorama pubblico (proposito non palesemente dichiarato, ma fortemente auspicato dai laicisti, dai marxisti e dai continuatori della Rivoluzione Francese), ma esattamente il suo contrario. Ovvero la valorizzazione di tutte le espressioni religiose di un Paese. Chi si vergogna a citare il creatore delluniverso, deve avere la consapevolezza che i figli delle tenebre sono più scaltri dei figli della luce (Luca 16, 1-8). Scaltrezza e furbizia che si è tradotta nella deliberata manipolazione del principio di laicità dello stato in chiave anticattolica ed anticlericale. Come la storia ha ampiamente dimostrato, le cose umane laiche ed anche i cosiddetti valori civili (in primis laborto) hanno partorito unicamente morte, miseria ed ingiustizia. Luomo non è un animale materiale, ma un essere corporale e spirituale che non si deve vergognare di impetrare grazie e benedizioni a chi l’ha creato.

 

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.