Quotidiano di informazione campano

Riceviamo e pubblichiamo il messaggio per la Santa Pasqua inviataci dal Mons. Beniamino Deplama

Il vescovo di Nola, mons. Beniamino Depalma, con l’annuale messaggio per la Pasqua invita ad illuminare la vita con segni di bene: « Abbiamo bisogno dei segni altrimenti la dirompente forza di un Dio che ha vinto la morte resta imbrigliata dalla mediocrità delle nostre vite da “sei politico”».

0

Mons. Depalma ha voluto anche esprimere dolore per il barbaro pestaggio di Sasha, clochard di Nola, ridotto in fin di vita da un gruppo di giovani «ai quali è ignoto il rispetto per la vita. Per loro pregherò ma a loro chiedo anche di pentirsi, assumendosi la responsabilità di quanto commesso». La Caritas diocesana si è resa disponibile ad accogliere Sasha in uno dei centri diocesani, una volta dimesso dall’ospedale.  

“Riconciliarsi con le persone che ci hanno ferito, chiedere perdono per gli errori fatti a danno degli altri, impegnarsi per riconoscere dignità ai deboli, rinunciare all’orgoglio per favorire la comunione, lavorare con onestà, coscienza e professionalità, studiare con passione, offrire i propri talenti a servizio del bene comune, rispettare il Creato, scegliere la sobrietà nei consumi e nei gesti, mettere al centro della propria vita le relazioni con gli altri, essere veri uomini e vere donne tutti i santi giorni” sono i gesti indicati dal vescovo di Nola, mons. Beniamino Depalma nell’annuale messaggio per la Pasqua attraverso il quale «ho voluto ricordare – ha dichiarato – che Pasqua è prima di tutto uno stile di vita, un impegno quotidiano a vivere da risorti, a sperimentare fino in fondo la nostra e l’altrui umanità».

Umanità che sembra sempre più facile calpestare, come dimostra il barbaro pestaggio, a Nola, di Sasha, clochard ridotto in fin di vita da un gruppo di giovani «ai quali – ha sottolineato il vescovo – è del tutto ignoto il rispetto della vita. Per loro pregherò ma a loro chiedo anche di pentirsi, assumendosi la responsabilità di quanto commesso. È alla responsabilità chiamo anche le istituzioni e la società civile, in particolare i cristiani del territorio perché si operi per il bene comune con uno sguardo fisso sui più deboli e con il cuore pronto a donarsi. Ognuno deve dare il contributo per il bene di tutti».

La Caritas diocesana si è resa disponibile ad accogliere Sasha in uno dei centri diocesani, una volta dimesso dall’ospedale: «Sasha non è solo. Con commozione – ha concluso mons. Depalma – ho assistito all’ondata di fraternità che i nolani hanno generato, reagendo con l’amore alla violenza. Come Chiesa dobbiamo impegnarci perché questo mare di generosità generi sempre nuove onde».

La vita canta la Pasqua è il titolo scelto per il messaggio che sarà distribuito giovedì 2 aprile, al termine della Messa Crismale che si celebrerà nella Cattedrale di Nola, alle ore 9:30.

 

                  La vita canta la Pasqua

“Cristo, mia speranza, è risorto! Sì, ne siamo certi: Cristo davvero è risorto”

È un segno pasquale riconciliarsi con le persone che ci hanno ferito.

È un segno pasquale chiedere perdono per gli errori fatti a danno degli altri.

È un segno pasquale impegnarsi per riconoscere dignità ai deboli, agli oppressi, agli emarginati.

È un segno pasquale rinunciare all’orgoglio per favorire la comunione.

È un segno pasquale lavorare con onestà, coscienza e professionalità.

È un segno pasquale studiare con passione.

È un segno pasquale offrire i propri talenti a servizio del bene comune.

È un segno pasquale rispettare il Creato.

È un segno pasquale la sobrietà nei consumi e nei gesti.

È un segno pasquale mettere al centro della propria vita le relazioni con gli altri.

È un segno pasquale essere veri uomini e vere donne tutti i santi giorni.

Carissimi amici, Pasqua non è un giorno cerchiato in rosso nel calendario. Non è, non può essere solo un rito, una funzione, una bella celebrazione, una liturgia ben organizzata che resta lì, senza alcun legame con la vita concreta. La Pasqua è lo stile di vita cui ci chiama la nostra fede. La Pasqua è l’impegno ordinario a sentirci dei risorti, e non dei morti viventi.

Ci sono dei segni concreti che mostrano come la Pasqua abbia invaso la nostra vita. Non sono segni eclatanti. Non sono atti eroici né che finiranno sulle pagine dei giornali o sui libri di storia. Sono segni che, semplicemente, esprimono fino in fondo la nostra più profonda umanità.

Quando al nostro ordinario mancano i gesti concreti, vuol dire che la Speranza non si è impossessata di noi. Senza scelte quotidiane positive e rivolte all’altro, ci consegniamo ad un grigiore che è quasi peggio delle tenebre. Perché la Luce può essere riconosciuta nel buio più profondo, mentre è difficile percepirla su scenari incolori. Abbiamo bisogno dei segni perché altrimenti la Croce resta solo un pezzo di legno cui aggrapparsi più per superstizione che per fede. Abbiamo bisogno dei segni, altrimenti la dirompente forza di un Dio che ha vinto la morte resta imbrigliata dalla mediocrità delle nostre vite da “sei politico”.

Cosa ci chiede Gesù per dare senso al suo sacrificio? Non incenso, se non accompagnato dal dono di se stessi. Non serve battersi il petto né intonare solenni litanie, se queste non sono accompagnate da una profonda compassione per le persone che ci circondano. Gesù ci chiede di orientare la nostra vita alla ricerca del bene, del giusto, del vero, del bello. E di “sminuzzare” questa scelta di fondo nelle azioni più comuni della vita quotidiana. Che Pasqua siamo, se il nostro collega a lavoro non vede in noi un amico con il quale condividere le cose più importanti e difficili? Che Pasqua siamo, se dalle nostre labbra non partono parole di pace, rispetto e reciproca comprensione? Che Pasqua siamo, se ciò che conta per noi è solo incassare il massimo bene per sé, mettendo in secondo piano gli affetti, gli amici, le relazioni con l’altro, con la comunità, con la città?

Non vanifichiamo, non banalizziamo questo tempo di grazia riducendolo ad una suggestiva sceneggiatura religiosa. Assumiamo impegni semplici ma seri per umanizzare la nostra vita, le nostre relazioni, gli ambienti in cui ci troviamo. Cerchiamo di non essere compiacenti verso noi stessi, non troviamo facili alibi nel contesto culturale, sociale ed economico. Mettiamoci in discussione. Confrontiamoci con i segni di libertà che Cristo Risorto reclama da noi per non lasciar inaridire i nostri cuori e i cuori di chi ci è a fianco.

L’uomo ha bisogno di Dio, è quasi un istinto a lui connaturato. Ma il bisogno di Dio non basta per animare una vita credente. L’uomo ha dentro di sé anche una domanda di cui ha meno consapevolezza: vuole dare un senso, un senso di bene, alla propria vita. Il Risorto è il Volto di Dio che si rivela pienamente all’uomo e ne soddisfa la sete di infinito, ma allo stesso tempo è un impegnativo Progetto di vita che interpella i gesti quotidiani.

“Buona Pasqua”, dunque, vuol dire “illuminate il mondo con i vostri segni di bene”. È questo l’augurio che faccio a ciascuno di voi, alle vostre famiglie, alle comunità parrocchiali e civili: non abbiate paura di accogliere fino in fondo la novità della Resurrezione.

                                                                    Beniamino Depalma

                                                           Arcivescovo – Vescovo di Nola

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.