Quotidiano di informazione campano

Riforme si parte: ok entro 25 maggio, è corsa contro tempo

0

Forza Italia non vota il calendario dei lavori proposto in commissione Affari Costituzionali per esaminare il ddl costituzionale del governo. A quanto si apprende, la decisione degli azzurri sarebbe legata alla richiesta di calendarizzare al Senato la riforma elettorale insieme alla modifica del Senato e del Titolo V. Il senatore Donato Bruno di Fi, “ai sensi dell’articolo 53 del regolamento” di Palazzo Madama, nel corso della riunione della commissione ha chiesto alla presidenza di posporre il voto sul calendario del ddl costituzionale di riforma. Ciò per permette a Forza Italia di chiedere nella prossima capigruppo, come forza di minoranza, che l’Italicum venga calendarizzato subito.

L’ufficio di presidenza della commissione Affari costituzionali del Senato ha indicato la presidente della stessa commissione e senatrice del Pd, Anna Finocchiaro, come relatrice della riforma costituzionale del Senato, e il senatore della Lega Roberto Calderoli come relatore per la minoranza. I lavori inizieranno martedì 15 alle 12 con una prima riunione in commissione per fissare le prime audizioni.

Lo Moro, sfida è farcela entro 25 maggio  – “La sfida è farcela entro il 25 maggio, prima ce la facciamo meglio è”. Lo afferma la senatrice del Pd Doris Lo Moro, a margine dell’ufficio di presidenza della commissione Affari costituzionali di Palazzo Madama, che ha calendarizzato i lavori del ddl costituzionale di riforma del Senato. “Iniziamo martedì prossimo alle 12 – sottolinea – per le audizioni i tempi saranno strettissimi, speriamo di iniziare subito”.

Morra(M5S), pronti ad ascoltare ma mancano premesse – “Secondo il M5S questo Governo non è titolato per presentare questa proposta di riforma. Noi ascolteremo e sulla base del confronto con la rete decideremo il da farsi. Ma le premesse non ci sono”. Lo afferma Nicola Morra, senatore del M5S, al termine della riunione della commissione Affari costituzionale di Palazzo Madama che ha incardinato al Senato il ddl costituzionale delle riforme costituzionali.

Tensione Pd-M5s in Commissione Camera – Ancora tensioni tra Pd e M5s sulle riforme alla Camera, questa volta in Commissione Affari costituzionali, dove è in corso l’audizione del ministro Maria Elena Boschi. Dopo un intervento assai critico sulle riforme del governo da parte di Danilo Toninelli, di M5s, ha preso la parola il capogruppo del Pd, Emanuele Fiano. Questi mentre stava parlando è stato interrotto dal pentastellato Riccardo Fraccaro, che lo ha sollecitato a concludere l’intervento. “Quando sarai tu presidente – ha replicato secco Fiano – mi potrai interrompere. Nel frattempo stai calmo o prenditi le goccine”. Visto che la tensione stava salendo il presidente della commissione Francesco Paolo Sisto (Fi), è a sua volta intervenuto brevemente: “prego il collega Fraccaro di non interrompere gli interventi, e il collega Fiano di non tirare in ballo aspetti caratteriali; perché sotto questo aspetto tutti, e io per primo, abbiamo bisogno delle goccine”. La tensione è rientrata, però sotto lo sguardo imbarazzato degli studenti della Lumsa, che stanno seguendo i lavori della commissione dentro la stessa Aula.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.