Quotidiano di informazione campano

Rio, le 20 cose da sapere sul carnevale

0

1) In Brasile il Carnevale è soprattutto un lungo ponte, quattro giorni, che chiude la stagione delle vacanze estive. Quando cade presto, come quest’anno, finisce per attaccarsi a Natale e Capodanno. Ne approfittano soprattutto gli studenti, oltre alla Casta (politici, funzionari pubblici, magistrati ecc.)

2) Non per tutti il Carnevale è samba e baldoria. A Rio de Janeiro arrivano milioni di turisti, ma se ne vanno altrettanti residenti, di tutte le classi sociali, per godersi un po’ di riposo. Venerdì sera per uscire dalla città verso le spiagge vicine c’erano 24 chilometri di coda

3) Milioni di brasiliani, spesso poveri, lavorano durante il Carnevale. Un venditore ambulante di birra fattura in quattro giorni come in un mese normale. Ma quasi tutti restano di ottimo umore

4) Quest’anno Rio ha battuto il record mondiale di transatlantici ormeggiati in un solo porto: otto. Portano all’economia della città 12 milioni di dollari

5) Eppure, visto come gira l’economia del mondo, ormai ci sono molti più brasiliani che stranieri tra i turisti a Rio

6) Primo e decisivo segnale di ascensione sociale in una favela è poter caricare la famiglia su una vecchia auto, e passare il Carnevale fuori città

7) Il clou del Carnevale carioca sono le sfilate delle scuole di samba. Ma è uno show per pochi, i biglietti sono pochi e cari. Nei blocos (sfilate) di strada partecipano dieci o venti volte più persone

8) Verso mezzanotte, una delle tribuna del Sambodromo si svuota. È la numero 7, quella dei turisti stranieri che cedono alla stanchezza dopo due-tre ore. Le sfilate dell’alba invece sono quasi sempre le migliori, e il pubblico locale le attende con ansia

9) Ci sono voluti decenni, ma alla fine a Rio l’hanno capito, e la città si è riempita di gabinetti chimici. Far pipì su un lampione (o dietro una macchina, le ragazze) ora può addirittura portare all’arresto. Il primo giorno ne hanno fermati un centinaio

10) L’eccesso di funzioni corporali per strada è dovuto alle inverosimili quantità di birra trangugiata. Durante il Carnevale in Brasile se ne consumano circa 120 milioni di litri al giorno.

11) Il samba non è l’unico ritmo del Carnevale di Rio, al contrario. Nei balli tradizionali e in molti blocchi di strada dominano incontrastate le marcette

12) Nonostante la temperatura, il Carnevale è quasi solo un rito diurno. Si balla a 40 gradi, insomma. Di sera e notte in strada c’è poco o nulla: chi non riesce ad andare al Sambodromo guarda le sfilate in casa alla televisione

13) Ogni anno il governo federale distribuisce centinaia di milioni di condom, in una campagna martellante per il sesso sicuro. Ma sembra che ben pochi li usino davvero, per due ragioni:
a) è diffusa la credenza che le camisinhas di Stato siano poco affidabili, e scoppino al momento sbagliato
b) vedi prossimo punto

14) I partecipanti al Carnevale si chiamano foliões (la parola viene da folia=follia). In apparenza l’obiettivo numero uno è baciare quante più persone possibili in un giorno, raramente andare oltre. Per i foliões adolescenti il bacio seriale è uno sport, ma occhio anche agli attempati/e

15) L’esibizione dei corpi resta importante nelle sfilate, ma il nudo vero e proprio sta sparendo. Su 4-5 mila partecipanti in una scuola di samba, i topless possono essere 2 o 3, e le telecamere sono costrette a indugiare sulle stesse ragazze. La mini-mutandina, chiamata tapa-sexo, ha raggiunto le dimensioni di un francobollo, ma non è mai caduta. Un tabù

16) Il Carnevale è un business gigantesco. Infatti comincia sempre prima e finisce ogni anno più tardi. Un tempo si prendevano in giro quelli di Bahia perché allungavano i festeggiamenti fino al mercoledì delle Ceneri. Oggi a Rio i blocchi sfilano fino al fine settimana successivo

17) La fede per una scuola di samba non è così assoluta come per una squadra di calcio. Ciò vale ovviamente per i tifosi generici, non per i membri o gli abitanti della comunità (spesso una favela) che esprime la scuola

18) Le scuole di samba raccolgono ormai milioni di reais con gli sponsor. I quali hanno l’ultima parola sulla scelta dell’enredo, il tema della sfilata. Quest’anno, si dice, sulle dodici scuole di serie A ben nove hanno dovuto piegarsi alle esigenze di chi ha messo i soldi. Può essere una compagnia telefonica o addirittura uno Stato

19) Il Brasile sarà anche diventato una superpotenza, ma il business del Carnevale di Rio è ancora in buona parte nelle mani della criminalità organizzata (leggi il gioco d’azzardo clandestino)

20) O Globo di domenica mattina ha già annunciato le scuole che si piazzeranno ai primi quattro posti. Il voto è solo mercoledì…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.