Quotidiano di informazione campano

Ritrovatoil marinaio scontro mercantile

0

Ieri e’ stato ritrovato lungo la spiaggia di Pesaro il corpo di uno dei tre marittimi turchi dispersi dopo la collisione fra la motonave turca Gokbel e il mercantile Lady Aziza, avvenuta il 28 dicembre scorso al largo di Ravenna. Il 21 gennaio il cadavere di un altro marinaio, Ustun Zeynel, era stato recuperato a Fano. Oggi il mare ha restituito le spoglie di Arslan Bayram, 55 anni, di nazionalità turca, cuoco di bordo del Gokbel. A notare il corpo, poco dopo le otto del mattino, è stato un ciclista che transitava nei pressi della pista ciclabile che costeggia la spiaggia. L’uomo ha chiamato il 113 e sul posto sono giunte una pattuglia della Squadra volante, la Guardia costiera e la Polizia scientifica.

Il cadavere era in avanzato stato di decomposizione, ma Bayram aveva ancora i documenti in tasca, ed è stato così possibile identificarlo. La salma è stata condotta all’obitorio, per gli accertamenti medico legali che la procura di Pesaro disporrà. Poi dovrebbe essere trasferita a Ravenna, dove è aperta l’inchiesta sul disastro marittimo. Il Gokbel si scontrò con la nave Lady Aziza tre miglia al largo dall’imboccatura dello scalo di Ravenna. Nell’impatto morirono due membri dell’equipaggio e cinque rimasero feriti. Quattro i dispersi, che con il rinvenimento di oggi scendono a due.

La salma di Bayram era lungo la spiaggia sottostante il Colle Ardizio, davanti ai Bagni Gelsi. Il mare dunque ha restituito due dei quattro dispersi della collisione fra mercantili. ”Con i moti ondosi del bacino adriatico – spiega all’ANSA il capo del Compartimento marittimo e comandante del porto di Pesaro, capitano di fregata Angelo Capuzzimato – generalmente i corpi dei naufraghi tendono a scendere verso sud. Questo spiega il doppio ritrovamento avvenuto fra Pesaro e Fano”. Alle operazioni di ricerca hanno partecipato le Direzioni marittime di Ravenna e Ancona, in contatto costante con il Comando generale del Corpo delle Capitanerie di porto.  Oggi  cronaca da radio piazza news

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.