Quotidiano di informazione campano

Roma Film Fest: Tomas Milian racconta il suo dramma, “mio padre si sparo’ davanti a me”

RADIO PIAZZA EVENTI

0

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Roma, Il Festival del Film di Roma ha il suo nuovo eroe, ed e’ un eroe vecchio almeno di 35 anni: Tomas Milian alias ‘Monnezza’. Il popolarissimo protagonista dei polizieschi anni ’70, l’attore cubano lanciato da registi del calibro di Luchino Visconti e Mauro Bolognini e reso immortale da Umberto Lanzi e Bruno Corbucci, e’ tornato sul luogo del delitto. Il Festival internazionale del film di Roma gli ha consegnato l’Acting Award alla carriera e ieri l’attore ha incontrato il pubblico in delirio in una masterclass all’Auditorium. Tomas Milian oggi alle 11 sara’ al Teatro Lido di Ostia (via delle Sirene 22) per incontrare gli studenti delle scuole superiori di Ostia e il pubblico e poi si rechera’ nel quartiere Laurentino, ospite del Centro Culturale ‘Elsa Morante’, dove alle 19.30 si terra’ un dibattito pubblico.

VIDEO: Tomas Milian racconta il suo dramma: “mio padre si sparo’ davanti a me”

‘Monnezza’ ha raccontato che l’episodio che gli ha cambiato la vita e’ stato il suicidio del padre quando aveva 12 anni.
L’uomo, un violento militare con problemi psichici, si sparo’ un colpo d pistola al cuore davanti ai suoi occhi. Quando si uccise, ricorda Milian, “ebbi una sensazione come di liberazione, come un popolo che e’ oppresso da un dittatore. La prima cosa che ho pensato e’ stata: io non sento dolore”.
Quindi la decisione di fare l’attore, “ma di farlo alla grande”. Una scelta nata quando vide per la prima volta ‘La valle dell’Eden’ di Elia Kazan. “James Dean divenne il mio mito, il ragazzo rifiutato dal padre che gli preferiva il fratello, proprio come me – racconta l’81enne attore cubano -.
Mi identificai perfettamente in lui e decisi di seguire le sue orme”. In effetti, qualche anno dopo, a New York uno dei suoi primi agenti fu Jane Deasy, gia’ agente di Dean. Tornare a Roma, la citta’ che lo ha adottato e che lo ha reso famoso, confessa ‘er Monnezza’, “e’ la mia resurrezione”.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.