Quotidiano di informazione campano

ROMA,PORCELLUM RADIOTELEVISIVO REA

0

Unaltra emittente  televisiva locale, al secondo anno del digitale terrestre, è in serie difficoltà per lesubero della forza lavoro rispetto ai ricavi. Si tratta della storica marchigiana TVRS di proprietà della Beta Spa. In una nota dei sindacati confederali di base si legge: Ciò è tanto più incomprensibile e odioso se si guarda ai bilanci di tutti questi anni e alla qualità di aiuti che sono stati erogati a vario titolo dalle Istituzioni Pubbliche Se non conoscessimo lEditore, in quanto associato REA, qualche dubbio sullonestà e  capacità imprenditoriale lo avremmo avuto. Le ragioni del paventato ridimensionamento del numero dei  dipendenti preannunciato dallAzienda sono ben altre.  I sindacati parlano come se non sapessero che  cè stato uno switch off  che ha distrutto il 70% delle tv locali per mano del Porcellum Televisivo programmato dal precedente governo Berlusconi in favore di Mediaset , RAI  e  Telecoms.<?xml:namespace prefix = “o” ns = “urn:schemas-microsoft-com:office:office” />

 

Attaccare le Reti nazionali e le Telecoms per i privilegi che  hanno ricevuto con il  Porcellum Radiotelevisivo non conviene. Qualcuno nel sindacato potrebbe dire tengo famiglia e, poi, sarebbe una puntura dago sulla groppa di un elefante. E meglio attaccare le  locali che per garantire quel pluralismo  informativo tutelato dalla Costituzione (altrimenti ci sarebbero solo le Reti nazionali) beneficiano di alcune misure di sostegno economico previste dalla legge 448/98 e da sporadici benefici elargiti da alcune Amministrazioni locali. Il fondo  della 448/98 è mediamente di 100 milioni  di euro/anno, erogati a singhiozzo, in favore dei 1.780 soggetti tra radio e tv locali che nonostante il continuo calo degli ascolti e della pubblicità, grazie alla disastrosa gestione ministeriale del digitale televisivo terrestre, altrimenti detto Porcellum Radiotelevisivo, hanno garantito  6.000 posti di lavoro. Sono mollichelle se si considera che la RAI incassa 1,8 miliardi di euro dal canone e 1,9 miliardi di euro dalla pubblicità impiegando 11.000 dipendenti  e che Mediaset, alla quale sono state regalate le migliori frequenze che valgono miliardi di euro, incassa 4,2 miliardi con appena 6.000 dipendenti. Complessivamente le Reti nazionali, nel 2012, hanno avuto ricavi per 7.9 miliardi di euro. Le locali si sono fermate al 9% pur impiegando una forza lavoro pari a una Rete Nazionale.  Con questi incontestabili dati, attaccare le emittenti locali per accusarle di assistenzialismo è come sparare su una ambulanza della Croce Rossa carica di malati gravissimi mentre il Porcellum Radiotelevisivo la fa da padrona in una Italia ridotta a pezzi dai capi del Porcile. A buon intenditor poche parole.                                             REA Radiotelevisioni Europee  PER RADIO PIAZZA ITALIA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.