Quotidiano di informazione campano

Samantha e’ nello spazio, il primo pasto con caviale e mele

0

Roma, 25 nov. – E adesso Samantha vola davvero. Il sorriso raggiante della prima astronauta italiana appena aperto il boccaporto d’attracco del segmento russo Rassvet della Stazione Spaziale Internazionale vale tutto. Samantha Cristoforetti e’ giunta nella sua nuova casa all’interno della quale restera’ fino al maggio del 2015. Sara’ una casa dove fluttuera’ in assenza di gravita, dove mangera’, dove dormira’ (poco) ma soprattutto dove affrontera’ circa 200 esperimenti, dieci di essi esclusivi per l’Agenzia Spaziale Italiana.

  Samantha, 37 anni capitano dell’Aeronautica Militare, ha realizzato il suo sogno cullato da bambina di andare nello spazio. Dopo aver coadiuvato il comandante della navicella Soyuz TMA-15M, Anton Shkaplerov nel docking alla Iss, ha avuto l’onore di entrare per prima nel modulo abitativo della Stazione Spaziale Internazionale.

La Cristoforetti e’ rimasta sorpresa e meravigliata di quanto visto nel corso del lungo viaggio verso la Iss durato 5 ore 48′ che del calore quando e’ stata accolta sulla Iss da parte dell’equipaggio composto dall’americano Barry Wilmore e dai russi Alexander Samokutyaev e Elena Serova. Nel primo collegamento in diretta con la terra, AstroSamantha ha parlato con i suoi parenti. La prima persona con la quale ha parlato e’ stata mamma Antonella. “Ciaoooo, come e’ andato il lancio ?”, ha chiesto Samantha alla madre che ha risposto: “Tutto bene, stupendo ed emozionante”. La figlia ha risposto: “Anche da dentro”. “E’ andato tutto benissimo.

Abbiamo gia’ avuto delle viste spettacolari. Terry (Virts, ndr) e’ stato bravissimo a farmi vedere i momenti piu’ belli mentre io ero concentrata su altre cose. Mia fatto vedere la prima alba e ci ha fatto spegnere le luci della stazione per vedere le stelle – ha proseguito la Cristoforetti -. E poi i pannelli solari che si illuminano di un colore arancione e io ho visto quel momento per caso. Fantastico!”. Alla domanda se era come se la sognava, l’astronauta nativa di Milano ma con un trascorso adolescenziale in val di Sole in Trentino ha risposto: “Molto meglio per adesso”. “Ci hanno accolto con un festone, con un pasto, una cena, o forse un pranzo, o la colazione, era tanto che non mangiavamo”, ha concluso. Sul vicino tavolino una decina di scatole da 30 grammi ciascuna di caviale che facevano parte del loro piccolo cargo. A bordo della Soyuz anche mele, arance, pomodori, 140 dosi di latte liofilizzato e te’ nero senza zucchero. Non va dimenticato che con la missione 42 Futura e’ presente in orbita anche la prima macchina per il caffe’ spaziale. La Cristoforetti e’ la 58esima astronauta della storia spaziale al femminile e con il suo arrivo sulla Iss e’ la seconda volta nei 16 anni di vita della Iss che si trovano due donne a bordo.
L’altra e’, infatti, la siberiana Elena Serova. I prossimi giorni per Samantha saranno dedicati al riposo ma soprattutto all’adattamento in assenza di gravita’. Poi inizieranno le attivita’ professionali.
Intanto, la Nasa ha reso noto che Samantha Cristoforetti sara’ la prima del nuovo equipaggio ad avere un collegamento con la terra. Infatti, martedi’ 2 dicembre alle ore 13,45 italiane (7,45 del mattino dell’Eastern Daylight Time) e’ programmato una videoconferenza con i media italiani. (AGI) per radio piazza news

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.