In occasione della Settima Edizione del Censimento Nazionale dei “LUOGHI DEL CUORE”, iniziativa promossa dal FAI – Fondo Ambiente Italiano – in collaborazione con Banca Intesa Sanpaolo, a San Gennaro Vesuviano, un gruppo di volenterose e tenaci signore ha deciso di segnalare come “Luogo del Cuore” dei “sangennaresi”,  il Convento Francescano dei Frati Minori sito in Piazza Margherita. Il Convento Francescano che lo scorso anno ha compiuto 400 anni di storia, da molto tempo versa in uno stato di degrado e di incuria, da quando i frati che lo abitavano, lentamente lo hanno abbandonato al suo triste destino, comune purtroppo a molti Conventi italiani, che per mancanza o per l’esiguo numero di frati, vengono chiusi.  Solo per la caparbietà e la devozione di alcuni fedeli, la Chiesa del Convento è rimasta aperta e vi si celebra la Santa Messa durante la settimana e nelle feste comandate. Il Convento ha rappresentato e rappresenta la storia  di San Gennaro Vesuviano; venne eretto nel 1613 grazie alla generosità del Marchese Scipione Pignatelli e nel corso dei secoli  il paese si è sviluppato tutto intorno ad esso, dando origine anche alla FIERA , appuntamento che si ripete ogni anno durante la terza settimana di settembre. Non essendo più abitato da molto tempo dai frati francescani, questo luogo simbolo del paese, è stato depredato di tutti i tesori che si celavano al suo interno, gli affreschi che ornano il chiostro sono oramai quasi completamente svaniti  e, come se non bastasse, si è aperta una “voragine” nel tetto da dove cade l’acqua piovana, che bagna il pavimento ed anche i fedeli riuniti in preghiera. Vederlo morire lentamente, in un assordante silenzio, fa davvero riflettere sul grado di “civiltà” di noi napoletani e sulla considerazione che la politica a tutti i livelli ha del nostro patrimonio artistico e culturale. Per sensibilizzare l’opinione pubblica ed  evitare che come al solito si intervenga a tragedia avvenuta, un gruppo di  coraggiose signore, si sta prodigando al fine di raccogliere il maggior numero di firme possibili, poiché solo i luoghi più votati d’Italia,  che raccoglieranno più segnalazioni tra quelli presenti nella Classifica Nazionale dei Luoghi del Cuore, riceveranno “in  premio” un intervento diretto da parte del FAI  e di Intesa Sanpaolo, volto a tutelare e ristrutturare il Convento Francescano.

Tutti possiamo dare una mano, si può votare da TUTTA ITALIA fino AL 30 NOVEMBRE !. Basta donare la propria firma alle cordiali signore promotrici dell’iniziativa, durante le loro “campagne di raccolta”, oppure visitare il sito www.iluoghidelcuore.it  e votare on- line il Convento Francescano di San Gennaro Vesuviano. Inoltre è possibile votare anche presso le filiali di Intesa Sanpaolo che aderiscono all’iniziativa, compilando l’apposita cartolina che  è possibile trovare in Banca.

Forse non salveremo il mondo, ma possiamo almeno provare a salvare  un po’ di storia e di bellezza del nostro martoriato ma nonostante tutto ancora meraviglioso territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi altre Notizie

Il Nola spreca e si ferma sul pari: con l’Angri è 1-1 Dopo l’iniziale vantaggio di Gonzalez il Nola non la chiude e pareggia Il Nola non conferma la vittoria di Portici e allo Sporting non va oltre il pari con l’Angri allenato dall’ex Carmelo Condemi. Un gol per parte, un’espulsione a squadra ed un vento fastidioso che ha dato non pochi grattacapi ai due team. Il primo tempo, infatti, è avaro di emozioni e di trame di gioco. La gara esplode nel secondo tempo. Al 55′ Palmieri viene atterrato in area di rigore, dal dischetto si presenta Gonzalez che è glaciale e non sbaglia. La gara si apre ma il Nola non ne approfitta e in ben due occasioni Palmieri non trova il gol da ottima posizione. L’Angri serra i ranghi e resiste e, dopo aver colpito anche un palo esterno, trova il pari al 66′ con il neo entrato Varsi che approfitta di una dormita della difesa nolana. Nell’occasione Cassata viene però espulso: durante i festeggiamenti il numero 10 grigiorosso si arrampica sulle pareti divisorie e si fa ammonire, secondo giallo per lui e Angri in 10. Il Nola accelera ma non trova la via del gol e, anzi, a 5′ dal termine finisce in 10 per il doppio giallo a Castagna. 5 punti per il Nola in 3 gare ma il ruolino di marcia non è ancora efficace per lasciare l’ultima posizione. Prossimo appuntamento, cruciale, domenica prossima ad Aprilia. DICHIARAZIONI “Il vento ha sicuramente condizionato il primo tempo, che è stato brutto, ma nella seconda frazione siamo usciti fuori bene – ha affermato a fine gara mister Ferazzoli – E’ un buon risultato ma dobbiamo fare di più, questa squadra difende in maniera troppo molle ancora. Le gare si possono vincere anche 1-0 e dobbiamo essere lucidi. Nulla è perduto perchè la lotta è ancora serrata, ma dobbiamo migliorare ancora“. “Dispiace per il risultato, dopo l’1-0 qualcosa non ha funzionato – ha dichiarato Sergio Gonzalez, autore del gol – La situazione è difficile ma non molliamo, è ancora lunga. Il gruppo è forte e lo dimostra il fatto che Claudio Sparacello ha lasciato a me il rigore pensate del vantaggio“. TABELLINO Reti: Gonzalez 56′ (N), Varsi 66′ (A). Nola 1925: Zizzania, Sepe, Di Dona (80′ Valerio), Piacente, Russo, Gonzalez (71′ Manfrellotti), Staiano, Ruggiero (86′ Adorni), Sparacello, Palmieri, Castagna. A disposizione: Landi, Lucarelli, Franzese, Kean, Lame, D’Angelo. Allenatore: Giuseppe Ferazzoli. Angri: Bellarosa, Riccio, Liguoro, Manzo, Pagano, Vitiello (89′ Langella), De Rosa (86′ Fiore), Cassata, Acasta (57′ Varsi), Aracri, Fabiano. A disposizione. Oliva, Della Corte, Palladino, Visconti, Giordano, Sall. Allenatore: Carmelo Condemi. Arbitro: Nigro di Prato (assistenti Tagliaferro di Caserta e De Simone di Roma 1). Note: ammonito Bellarosa per l’Angri; espulsi per doppio giallo Castagna per il Nola e Cassata per l’Angri. Ufficio Stampa Società Sportiva Nola Calcio www.nolacalcio.com