Quotidiano di informazione campano

Santhià, strage sotto l’effetto della cocaina Il 25enne:

0

Voleva rubare ed era sotto l’effetto della cocaina Lorenzo Manavella, il pallavolista di 25 anni che ha ucciso nella loro casa a Santhià Tullio e Pina Manavella, i nonni di 85 e 78 anni, e della zia Patrizia, 56 anni. Il ragazzo ha ammesso “quasi” tutto durante le oltre 7 ore di interrogatorio in caserma a Vercelli. Il giovane è accusato di omicidio pluriaggravato e ra

Il giovane aveva trascorso la serata con un’amica, poi si era fatto accompagnare a casa (lui non può guidare l’auto). Una volta a casa ha evidentemente assunto cocaina e di notte ha agito. “Ho perso la testa”, ha ripetuto nell’interrogatorio. Il suo legale d’ufficio si è limitato a confermare che il giovane “ha fornito ampia confessione”. Il 25enne avrebbe ucciso per portarsi via solo 300 euro. 

Intanto cominciano ad emergere i primi dettagli circostanziati sulla strage: il 25enne ha colpito i nonni Tullio e Pina, e la zia Patrizia, sia con un corpo contundente, sia con un coltello. Le tre vittime erano tutte in pigiama. Patrizia Manavella, la zia, è stata trovata distesa sul letto in una camera al primo piano. La nonna, Pina, sul letto nella sua camera al pianterreno. Il nonno, Tullio, nei pressi della camera da letto, quasi avesse cercato di fuggire. I corpi delle tre vittime sono stati portati al S. Andrea di Vercelli per l’autopsia.

Gli amici e conoscenti di Lorenzo hanno confermato che il 25enne in passato aveva avuto problemi legati alla droga. Si parla anche di un arresto ai domiciliari per spaccio. “Ma – hanno riferito – era uscito dal giro, non aveva più legami con quel mondo”. Il padre, Gianluca Manavella, è sconvolto. Aveva lasciato il ragazzo solo a casa per accompagnare la compagna in Sardegna. Ed è stato lui per primo ad aver avuto il sospetto che a Santhià doveva essere successo qualcosa perché nessuno gli rispondeva più al telefono. E’ stato lui, di fatto, a dare l’allarme.

pina aggravata. Gli inquirenti propendono per l’ipotesi che abbia agito da solo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.