Quotidiano di informazione campano

Presentazione ufficiale della 12a edizione della Rassegna teatrale città di Saviano

Antonio Romano per radio piazza news

0

SAVIANO – C’erano rappresentanti di quasi tutte le compagnie teatrali in Rassegna.  Presso il palazzo Allocca, vi è stata la conferenza di presentazione ufficiale della 12° edizione della Rassegna teatrale di Saviano, memorial Carmine Mensorio, alla presenza delle autorità locali, di delegati delle compagnie, di associazioni sul territorio. Consenso per l’iniziativa tra i presenti. L’amministrazione comunale di Saviano del Sindaco Carmine Sommese, in collaborazione con la gestione dell’Auditorium, curata da Giovanni Palladoro si appresta a questo, più che atteso, evento culturale. La Rassegna teatrale di Saviano, cresciuta di livello nel corso di12 anni, ha una caratteristica ben precisa  nel suo messaggio di aggregazione culturale; si ripresenta in questa edizione piena di iniziative collaterali oltre alle opere previste nel cartellone. Sono sedici le compagnie, divise in due gruppi: Rassegna 1 e 2. Al fine di rendere più incisiva questa edizione, è stato nominato un gruppo di lavoro alquanto differenziato, dove ogni componente propone  sul tavolo operativo, la propria formazione, sperimentazioni personali acquisite nel campo artistico e nel sociale. Lo scopo e il  proporre efficaci soluzioni che abbineranno le recite. Particolarmente interessante è il  coinvolgimento attivo degli alunni della locale scuola media “Ciccone”; all’invito fatto a varie associazioni a presentare i propri contenuti operativi, quali esposizioni all’ingresso del teatro. Vi sarà, in  particolar modo, come già citato,  un Gruppo di lavoro formato dal Presidente della locale Proloco “ Il Campanile”, Costanza Aschettino; dal consigliere della città metropolitana,  Francesco Iovino; da Donatella Acierno; da Giacomo Simonelli e infine dallo scenografo Carmine Ciccone. L’area comunicazione sarà curata da Mauro Romano, con la collaborazione di Antonio Romano e Saverio Falco. Alla presentazione ufficiale, al tavolo dei relatori, nel ruolo di moderatore Mauro Romano, di questa dodicesima edizione, vi è stato  l’intervento del Sindaco, Carmine Sommese. Si sono succeduti, in seguito, gli interventi di Costanza Ascettino e del presidente della Fondazione Carnevale savianese, Pasquale Napolitano. Secondo programma gli interventi di  Giacomo Simonelli e di Donatella Acierno, mentre le conclusioni sono state affidate  affidate al consigliere della Città Metropolitana, Francesco Iovino. Quest’ultimo ha ribadito l’importanza dell’evento: in un passaggio, ha precisato, in  un’affermazione nota, per alcuni versi forse scontata, ma che è bene ribadire;  “un territorio che non è solo negatività, che non deve essere ricordato solo come terra dei fuochi, ma anche sede di importanti eventi culturali come il Carnevale e la Rassegna teatrale presso l’Auditorium comunale”.  A fine interventi, i presenti sono stati invitati a formulare domande a chiarimento di qualsiasi delucidazione o dubbio; in particolar modo, per le compagnie non savianesi, a favorir l’incontro con le proprie rappresentanze amministrative, comunali e relative Proloco. Ci sono stati alcuni interventi dal pubblico presente,  volti al chiarimento di alcuni aspetti operativi e di  gestione della sala Auditorium in sede di preparazione scenografica e di predisposizione alle ultime esigenze tecniche – operative dello spettacolo proposto,  senza, per altro, alterare il clima di cordialità dell’incontro. La partenza, l’esordio in Rassegna, sulle tavole del palcoscenico savianese, è prevista per domenica 13 dicembre 2015. Interessante, come menzionato, il composto  gruppo di lavoro, che è intenzionato a proporre  ai ragazzi delle scuole medie dei temi relativi alle trame delle relative commedie. Si formeranno dei questionati e alla fine delle manifestazione, quando tutte le compagnie teatrali si saranno esibite, ci sarà una valutazione con pertinente, eventuale, premiazione e  relativi riconoscimenti. Lo scopo del progetto è coinvolgere il mondo scolastico e far riscoprire, a giovani studenti, l’importanza di un arte  nobile come il teatro. Inoltre è stato introdotta un’altra novità: tutti i gruppi teatrali, potranno proporre, al pubblico, nello spazio di pochi minuti, prima dell’inizio dello spettacolo, l’esibizione di  propri talenti, in qualche arte, dalla musica alla poesia alla recitazione ed altro, presenti sul proprio territorio e che magari non hanno avuto spazio in altri contesti. Per capire meglio valga un esempio, di qualche tempo fa, di un giovanissimo violinista, di grande e straordinaria competenza ma pressoché sconosciuto al grande pubblico.

Antonio Romano

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.