2014-12-21 21.1czSaviano – Teatro Auditorium-  Si è aperta  l’undicesima edizione della stagione teatrale. Per il secondo appuntamento  di questa edizione vi è stata la proposizione al pubblico dello spettacolo musicale “Uomini e donne istruzioni per l’uso”  di Marcello Cozzolino. Consenso di pubblico per una commedia, show musicale, interessante, di estrema attualità e al tempo stesso vecchia come il mondo.  Prima dell’inizio dello spettacolo è intervenuto  sul palco, in anteprima, per un breve saluto e per far gli onori di casa il Sindaco di Saviano, Carmine Sommese, il vicesindaco, Francesco Iovino.  Cozzolino, con il suo gruppo di teatro proveniente da S.Anastasia,  ci parla, in questa sua opera, tra altro, di rapporti tra uomini e donne: un rapporto a volte conflittuale, a volte critico, a volte romantico,  ideale di come dovrebbe essere, motivo di scandalo e di comicità,  ironia in teatro dove al famiglia stessa è un eterno teatro. Un rapporto di coppia che da senso alla vita stessa della stirpe umana, ma che è anche impegno e assunzione di responsabilità. La Trama è sì sinteticamente spiegata: protagonista della vicenda l’uomo medio che vive la sua vita, di tuti i giorni,  con la sua compagna. La trama, all’aprire del sipario, narra una situazione di intimità, in una camera da letto, di una coppia del ceto medio, interpretata dallo stesso Marcello Cozzolino e Antonella Grieco. È mattino e la coppia si sveglia per le consuete abitudini quotidiane. In scena un letto che in seguito viene ripiegato su se tesso diventando un divano. Ecco allora la descrizione, tramite i due interpreti, di tutte le manie le incomprensioni che attraversano normalmente il vivere in comune condite con comicità e ironia. Battute si susseguono senza tuttavia alterarne il buonsenso; un battito  scenico non alterato da un dialogo, in un certo senso, costituito da momenti spinti. Una proposta teatrale che non persegue particolari atti di accusa o prese di posizioni, e le cronache del nostro tempo sono tristamente note e piene;  ma vuole descrivere, semplicemente,  i relativi ruoli e i risvolti, sottolineare il dire, come lo stesso autore ammette: “ di questo essere meraviglioso che è la donna”.  Il racconto scenico è interrotto da momenti musicali da canzoni dello stesso Marcello Cozzolino, e da canzoni proposte da Antonia Russo Giglio. Nella seconda parte dello spettacolo Marcello Cozzolino interpreta la sorella del protagonista maschile indossando, chiaramente, abiti femminili, indossando un celebre grembiule particolare. “Celebre grembiule”, tralasciando il perché di particolare, perché utilizzato già in una sua passata interpretazione, sempre all’Auditorium di Saviano, e che gli era valsa la premiazione quale compagnia vincitrice della Rassegna teatrale. In realtà Marello Cozzolino ha dovuto indossare, ovviamente, anche una parrucca femminile; cosa non certo agevole per lui e per la sua calvizie! La cosa è stata sottolineata più volte dallo stesso autore in un contesto di recitazione e comicità, ovviamente. Sul palcoscenico un intera piccola  orchestra a sottolineare determinati passaggi. Meritano citazione, in proposito: Antonello De Zelis, Daniele Cozzolino, Antonio Bocchini, Alessio Ferrara e infine Giuseppe Giordano.

Antonio Romano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi altre Notizie

Il Nola spreca e si ferma sul pari: con l’Angri è 1-1 Dopo l’iniziale vantaggio di Gonzalez il Nola non la chiude e pareggia Il Nola non conferma la vittoria di Portici e allo Sporting non va oltre il pari con l’Angri allenato dall’ex Carmelo Condemi. Un gol per parte, un’espulsione a squadra ed un vento fastidioso che ha dato non pochi grattacapi ai due team. Il primo tempo, infatti, è avaro di emozioni e di trame di gioco. La gara esplode nel secondo tempo. Al 55′ Palmieri viene atterrato in area di rigore, dal dischetto si presenta Gonzalez che è glaciale e non sbaglia. La gara si apre ma il Nola non ne approfitta e in ben due occasioni Palmieri non trova il gol da ottima posizione. L’Angri serra i ranghi e resiste e, dopo aver colpito anche un palo esterno, trova il pari al 66′ con il neo entrato Varsi che approfitta di una dormita della difesa nolana. Nell’occasione Cassata viene però espulso: durante i festeggiamenti il numero 10 grigiorosso si arrampica sulle pareti divisorie e si fa ammonire, secondo giallo per lui e Angri in 10. Il Nola accelera ma non trova la via del gol e, anzi, a 5′ dal termine finisce in 10 per il doppio giallo a Castagna. 5 punti per il Nola in 3 gare ma il ruolino di marcia non è ancora efficace per lasciare l’ultima posizione. Prossimo appuntamento, cruciale, domenica prossima ad Aprilia. DICHIARAZIONI “Il vento ha sicuramente condizionato il primo tempo, che è stato brutto, ma nella seconda frazione siamo usciti fuori bene – ha affermato a fine gara mister Ferazzoli – E’ un buon risultato ma dobbiamo fare di più, questa squadra difende in maniera troppo molle ancora. Le gare si possono vincere anche 1-0 e dobbiamo essere lucidi. Nulla è perduto perchè la lotta è ancora serrata, ma dobbiamo migliorare ancora“. “Dispiace per il risultato, dopo l’1-0 qualcosa non ha funzionato – ha dichiarato Sergio Gonzalez, autore del gol – La situazione è difficile ma non molliamo, è ancora lunga. Il gruppo è forte e lo dimostra il fatto che Claudio Sparacello ha lasciato a me il rigore pensate del vantaggio“. TABELLINO Reti: Gonzalez 56′ (N), Varsi 66′ (A). Nola 1925: Zizzania, Sepe, Di Dona (80′ Valerio), Piacente, Russo, Gonzalez (71′ Manfrellotti), Staiano, Ruggiero (86′ Adorni), Sparacello, Palmieri, Castagna. A disposizione: Landi, Lucarelli, Franzese, Kean, Lame, D’Angelo. Allenatore: Giuseppe Ferazzoli. Angri: Bellarosa, Riccio, Liguoro, Manzo, Pagano, Vitiello (89′ Langella), De Rosa (86′ Fiore), Cassata, Acasta (57′ Varsi), Aracri, Fabiano. A disposizione. Oliva, Della Corte, Palladino, Visconti, Giordano, Sall. Allenatore: Carmelo Condemi. Arbitro: Nigro di Prato (assistenti Tagliaferro di Caserta e De Simone di Roma 1). Note: ammonito Bellarosa per l’Angri; espulsi per doppio giallo Castagna per il Nola e Cassata per l’Angri. Ufficio Stampa Società Sportiva Nola Calcio www.nolacalcio.com

Il Nola spreca e si ferma sul pari: con l’Angri è 1-1 Dopo l’iniziale vantaggio di Gonzalez il Nola non la chiude e pareggia Il Nola non conferma la vittoria di Portici e allo Sporting non va oltre il pari con l’Angri allenato dall’ex Carmelo Condemi. Un gol per parte, un’espulsione a squadra ed un vento fastidioso che ha dato non pochi grattacapi ai due team. Il primo tempo, infatti, è avaro di emozioni e di trame di gioco. La gara esplode nel secondo tempo. Al 55′ Palmieri viene atterrato in area di rigore, dal dischetto si presenta Gonzalez che è glaciale e non sbaglia. La gara si apre ma il Nola non ne approfitta e in ben due occasioni Palmieri non trova il gol da ottima posizione. L’Angri serra i ranghi e resiste e, dopo aver colpito anche un palo esterno, trova il pari al 66′ con il neo entrato Varsi che approfitta di una dormita della difesa nolana. Nell’occasione Cassata viene però espulso: durante i festeggiamenti il numero 10 grigiorosso si arrampica sulle pareti divisorie e si fa ammonire, secondo giallo per lui e Angri in 10. Il Nola accelera ma non trova la via del gol e, anzi, a 5′ dal termine finisce in 10 per il doppio giallo a Castagna. 5 punti per il Nola in 3 gare ma il ruolino di marcia non è ancora efficace per lasciare l’ultima posizione. Prossimo appuntamento, cruciale, domenica prossima ad Aprilia. DICHIARAZIONI “Il vento ha sicuramente condizionato il primo tempo, che è stato brutto, ma nella seconda frazione siamo usciti fuori bene – ha affermato a fine gara mister Ferazzoli – E’ un buon risultato ma dobbiamo fare di più, questa squadra difende in maniera troppo molle ancora. Le gare si possono vincere anche 1-0 e dobbiamo essere lucidi. Nulla è perduto perchè la lotta è ancora serrata, ma dobbiamo migliorare ancora“. “Dispiace per il risultato, dopo l’1-0 qualcosa non ha funzionato – ha dichiarato Sergio Gonzalez, autore del gol – La situazione è difficile ma non molliamo, è ancora lunga. Il gruppo è forte e lo dimostra il fatto che Claudio Sparacello ha lasciato a me il rigore pensate del vantaggio“. TABELLINO Reti: Gonzalez 56′ (N), Varsi 66′ (A). Nola 1925: Zizzania, Sepe, Di Dona (80′ Valerio), Piacente, Russo, Gonzalez (71′ Manfrellotti), Staiano, Ruggiero (86′ Adorni), Sparacello, Palmieri, Castagna. A disposizione: Landi, Lucarelli, Franzese, Kean, Lame, D’Angelo. Allenatore: Giuseppe Ferazzoli. Angri: Bellarosa, Riccio, Liguoro, Manzo, Pagano, Vitiello (89′ Langella), De Rosa (86′ Fiore), Cassata, Acasta (57′ Varsi), Aracri, Fabiano. A disposizione. Oliva, Della Corte, Palladino, Visconti, Giordano, Sall. Allenatore: Carmelo Condemi. Arbitro: Nigro di Prato (assistenti Tagliaferro di Caserta e De Simone di Roma 1). Note: ammonito Bellarosa per l’Angri; espulsi per doppio giallo Castagna per il Nola e Cassata per l’Angri. Ufficio Stampa Società Sportiva Nola Calcio