Quotidiano di informazione campano

Scafati invaso dalle prostitute !!

Il neo assessore di Scafati dichiara "RIAPRIREI LE CASE CHIUSE" ovvero le vecchie case di tolleranza.

0

comunescafati_Public_Notizie_270_470_3SCAFATI – «Libererò Scafati dalle prostitute. Se potessi riaprirei le case chiuse». Appena nominato, il nuovo assessore comunale alla sicurezza, Antonio Pignataro, scende subito in campo per combattere la nuova ondata di lucciole in città ed avvicinare i cittadini alla figura del vigile urbano. ‘Il mastino’, come lo ha definito lo stesso sindaco, Pasquale Aliberti, inizia la sua lotta dopo l’idea delle ronde contro gli extracomunitari che tra il 2008 e il 2009 fece tanto discutere. «Il verificarsi nuovamente degli episodi di prostituzione sui marciapiedi della città è un problema gravissimo», ha dichiarato l’imprenditore scafatese. «Se avessi potere decisionale, riaprirei le case chiuse», ha spiegato.
«Non penso, infatti, che bambini ed adolescenti debbano vedere questo scempio. La colpa maggiore è dei clienti. Dovrebbero provare semplicemente un po’ di vergogna. Ci sono persone che si prostituiscono per esigenze economiche, dovute alla forte crisi in cui versa il Paese, ma c’è anche chi lo fa proprio per mestiere. E la colpa è senza dubbio anche dei clienti. Perché l’offerta aumenta lì dove c’è tanta domanda. Io farò il possibile affinché questa vergogna venga eliminata». Dopo aver aspettato tanti mesi il nuovo assessore alla sicurezza, la città di Scafati finalmente chi vuole ripristinare legalità e decoro al suo interno. Come uno sceriffo, Pignataro ha iniziato già a far sentire la sua autorità già nelle strade. Un po’ come accade a Salerno con il sindaco, Vincenzo De Luca. E, tenendo conto degli ultimi episodi di criminalità nelle periferie, ha puntualizzato: «Sono una persona che vive in periferia e purtroppo ne conosco bene i problemi. La situazione economica gravosa sulla popolazione incide sull’aumento della microcriminalità. E’ necessario non solo ripristinare ma anche aumentare il sistema di videosorveglianza nei punti cruciali della nostra comunità, aggiungendo magari anche un agente, che le osservi in tempo reale e sia pronto a dare l’allarme qualora noti qualche immagine sospetta. In questo momento la sicurezza nella città è in crisi. Ho intenzione di aprire un dialogo con il comandante della tenenza di Scafati. Sono del parere che anche l’organigramma dei militari dell’Arma vada arricchito in città. Sarebbe davvero bello se la nostra tenenza si trasformasse in comando». Tante quindi le iniziative ed i buoni propositi ma l’assessore non si ferma qui. «E’ importante che l’ordine di servizio dei vigili urbani diventi una presenza più stabile. L’agente della polizia locale deve diventare una figura amica del cittadino e non un’entità di cui aver timore. Bisogna favorire il rapporto tra la popolazione e l’ordine dei vigili. A tal proposito vorremmo mettere in atto un progetto, intitolato ‘Agente Amico’». Alle recenti grida di aiuto della periferia, alle denunce di cittadini ed immigrati di esser stati abbandonati a se stessi, alla poca sicurezza nelle strade l’Amministrazione Aliberti, dunque, ora risponde con il nuovo assessore Pignataro. Tanti i progetti, ma per fare la differenza con il lavoro del suo predecessore ci si aspetta che le iniziative vengano portate a termine e si raggiungano gli obiettivi prefissati.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.