Quotidiano di informazione campano

Scampia, controfigura del superlatitante

0

Non gli assomigliava affatto, eppure andava dicendo in giro di essere Marco Di Lauro, il ricercato numero uno tra faide vecchie e nuove alle porte di Napoli. Nessuna somiglianza, ma aveva un mandato: far girare il nome del figlio latitante del padrino di Secondigliano, mostrarsi anche da un punto di vista fisico, dare corpo al piano.

E su quale sia il piano, gli investigatori non hanno dubbi: riprendersi Secondigliano, tenere gli scissionisti lontano da Napoli, alle porte della città che deve tornare nelle mani dei padroni di un tempo: il clan Di Lauro, appunto.

Un piano militare – a colpi di morti ammazzati, neanche a dirlo -, che passa anche attraverso sofisticate strategie di comunicazione. Ed è così che si spiega un episodio rimasto fissato sul taccuino della polizia giudiziaria, dopo un blitz messo a segno in un ristorante lo scorso 26 marzo.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.