L’aereo ha perso la comunicazione con l’aeroporto di Indonesia Surabaya 42 minuti dopo il decollo avvenuto alle 05:20 (ora locale, le 23.20 in Italia), ha detto Hadi Mustofa, un funzionario del ministero dei trasportiAirAsia in un comunicato ha spiegato che il velivolo era un Airbus A320-200 e che le operazioni di ricerca e salvataggio sono in corso.  L‘aereo ha perso il contatto quando si trovava al disopra del mare di Giava tra Kalimantan e le isole di Java. Nella zona, secondo le prime informazioni, imperversava un forte maltempo. Pochi minuti prima di scomparire dai radar, il comandante del volo aveva chiesto di poter salire di quota per evitare un grosso banco di nubi.

AirAsia ha confermato che il volo QZ8501 da Surabaya a Singapore ha perso il contatto con il controllo del traffico aereo alle 7:55. Non ci sono al momento informazioni sullo stato dei passeggeri e dei membri dell’equipaggio a bordo. L’aereo era un Airbus A320-200 con il numero di registrazione PKAXC. Le operazioni di ricerca e salvataggio sono in corso e la compagnia aerea sta dando piena cooperazione e assistenza al servizio di salvataggio. AirAsia ha istituito un call center di emergenza per le famiglie o gli amici di coloro che possono essere a bordo dell’aereo

Alle ricerche del velivolo partecipano anche due C 130 dell’aviazione militare indonesiana. Flightradar24, un sito web di monitoraggio dei voli, ha rivelato che l’aereo è stato consegnato nel settembre 2008. Al momento della scomparsa dai radar ha spiegato che l’aereo volava a 32.000 piedi (9.700 metri), la quota di crociera regolare per la maggior parte dei jet.

I media indonesiani hanno riferito che a bordo ci sarebbero 149 indonesiani, tre coreani, e uno ciascuno di Singapore, Gran Bretagna e Malesia. Tra i passeggeri ci sono 16 bambini e un neonato. Il volo doveva atterrare a Singapore alle 8:30 (2.30 ora italiana). L’aeroporto di Singapore ha detto sul suo sito web che lo stato del volo è al momento ritardato”. Le condizioni meteorologiche nella zona dove l’aereo è scomparso sono state definite difficili. “C’erano molte nuvole e temporali in corso”.

L’incidente
arriva alla fine di un anno disastroso per le compagnie aeree della Malaysia. Sono due i velivoli finora persi dalla Malaysia Airlines, il volo MH370 scomparso l’8 marzo scorso mentre volava da Kuala Lumpur a Pechino con 239 passeggeri a bordo e,  il 17 luglio, il volo MH17 che fu abbattuto sopra l’Ucraina, uccidendo tutte le 298 persone abordo.

Il presidente americano Barack Obama ha convocato un briefing d’urgenza per essere aggiornato sulla scomparsa dell’aereo. La Casa Bianca: “Monitoriamo la situazione, siamo pronti ad offrire il nostro aiuto”.  ANSA PER  RADIO PIAZZA NEWS