Quotidiano di informazione campano

SEI MILIARDI DI TONNELLATE OGNI ANNO, IN COSTANTE INCREMENTO, E’ LA PRODUZIONE UFFICIALE COMPLESSIVA DI RIFIUTI SPECIALI, INDUSTRIALI, TOSSICI E URBANI NEL MONDO.

0

Napoli – Per circa 7 miliardi di persone che vivono sul Pianeta Terra, corrispondono quindi a una produzione procapite annua di circa 850 kg/di rifiuti a testa per ogni abitante del Pianeta, ma non piu di 100 sono rifiuti urbani, in costante decremento per la crisi economica mondiale.

Per ogni cittadino del mondo quindi, si producono, vanno tracciati e correttamente riciclati e/o smaltiti circa 750 kg/a testa/anno di rifiuti speciali, industriali e tossici, ma circa solo 100 sono rifiuti urbani.

Per ogni cittadino campano sono circa 400 kg/a testa/anno di rifiuti urbani e circa 1200 kg di rifiuti speciali , industriali e tossici solo campani cui devono aggiungersi circa 200 kg/a testa/ di soli rifiuti tossici importati in Campania da ogni parte del mondo negli scorsi ultimi venti anni, per non meno quindi di dodici milioni di tonnellate di soli rifiuti tossici industriali accertati dalla Magistratura essere stati tombati nella sola Regione Campania.

In Campania, oggi si producono circa 5 tonnellate al minuto di rifiuto urbano cui si aggiungono circa 5 tonnellate al minuto di rifiuto industriale e tossico prodotto ogni giorno in regime di evasione fiscale e che quindi va obbligatoriamente smaltito illegalmente ogni giorno (da circa trenta anni!). Questo è il vero volto, sinora tenuto nascosto, della questione rifiuti in Campania e nel mondo. Questi sono i dati di Gomorra di ieri e di oggi e la realtà di smaltimento che non affrontiamo, non tracciamo e non risolviamo da oltre venti anni, nel corso dei quali sino ad oggi si è parlato troppo dei soli rifiuti urbani, ormai non più di un sesto del vero problema rifiuti complessivo. Un intero popolo, come quello campano, è stato additato al ludibrio mondiale perche non doveva capire di essere stato utilizzato, alla stregua dei paesi poveri del terzo mondo, come discarica industriale ufficiale di Italia e dEuropa.

Questa è Terra dei fuochi -Terra dei veleni, ma in questi lunghi e dolorosi anni solo pochissimi Medici e cittadini hanno sin dal principio affrontato correttamente il disastro ambientale piu grande e più negato di Italia dal versante corretto: il rifiuto industriale e tossico e non il rifiuto urbano. Una tale eccezionale produzione di rifiuto industriale scorrettamente smaltito ogni giorno in Campania e nel mondo non puo non avere un peso eccezionale nel creare danno alla salute pubblica e quella autentica epidemia di tumori che adesso, finalmente, non si nega piu in Campania e che Cristopher Wilde, Presidente OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità ) in data 3 febbraio 2014 , seguendo le orme dei pochi medici campani, rilancia come allarme per tutto il mondo e soprattutto per i Paesi poveri in via di sviluppo. Quando ci decideremo, come Medici tutti, ad informare correttamente la popolazione sullautentica deflagrazione in atto nel mondo della produzione e smaltimento scorretto e incontrollato di rifiuti industriali? E quindi dellobbligato e conseguente gravissimo danno alla salute pubblica mondiale?

Questi sono alcuni degli aspetti di Terra dei Fuochi-Terra dei Veleni che saranno discussi martedi 15 aprile 2014 alle ore 14.30 in Aula Magna Romolo Cerra al Pascale con i vertici dellIstituto Pascale e con Antonio Marfella, il Generale Sergio Costa della Forestale, appena nominato Responsabile Regione Campania, Padre Maurizio Patriciello e Marco De Marco, autori del libro NON ASPETTIAMO LAPOCALISSE in cui si descrive il lungo e doloroso percorso di formazione e impegno civile di un intero popolo sul danno alla salute da rifiuti industriali e non urbani in Campania Terra dei Fuochi – Terra dei Veleni.

Copie del libro saranno donate alla libreria dellanima della Fondazione Pascale a disposizione degli ammalati ricoverati presso la Fondazione Pascale. Lincontro come il libro Non aspettiamo lApocalisse vuole rappresentare una forte testimonianza di Speranza e di Impegno della classe Medica innanzitutto della Fondazione Pascale a continuare nel percorso di corretta informazione oltre che di Ricerca e Cura alla ricerca della Verità sulla entità del danno alla salute pubblica campana, nonché un sentito ringraziamento per le Forze dellOrdine, rappresentate dalla Forestale del Generale Sergio Costa, per la Chiesa e i suoi Sacerdoti come Padre Maurizio Patriciello e per i giornalisti come Marco de Marco, in via di conversione ambientalista in questo percorso di studio e formazione per la scrittura del libro che contribuisce ad aprire gli occhi a tutti sul vero problema campano e mondiale:  i rifiuti speciali, industriali e tossici e non i rifiuti urbani.

Con preghiera di diffusione ,

i piu cordiali saluti ,RADIO PIAZZAQ CAMPANIA NEWS

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.