Quotidiano di informazione campano

‘Selfie’ salva vita ad una donna, ha permesso la diagnosi di un ‘mini-ictus’

0

Un ‘selfie’ può salvare la vita, se fatto al momento giusto. Lo testimonia la storia, riportata dalla Cbc, di Stacey Yepes, una donna canadese che filmandosi durante un ‘mini-ictus’ è riuscita a ottenere una diagnosi corretta che la descrizione a voce dei sintomi non era riuscita a far trovare.

La donna, spiega l’emittente nordamericana, era andata in un ospedale di Toronto affermando di aver avuto per qualche minuto difficoltà a parlare e un irrigidimento del volto, ma secondo i medici i sintomi erano dovuti soltanto a stress. Due giorni dopo, mentre era alla guida, la donna ha avuto un secondo attacco, e questa volta lo ha filmato con il suo cellulare. Una volta visionato il video i medici hanno capito che si trattava di ‘attacchi ischemici transitori’, una sorta di ‘mini-ictus’ che in un terzo dei casi sono ‘premonitori’ di ictus veri e propri, e che comunque possono causare danni neurologici permanenti. ”Sapevo che i sintomi non dipendevano dallo stress – spiega Yepes – e ho pensato che mostrandoli a qualcuno sarebbe stato più facile trovarne la causa”.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.