Quotidiano di informazione campano

Senato, Riforme, doppio stop per il governo

Renzi : Franchi tiratori? Poco coraggio. Esplora il significato del termine: Passano due emendamenti della minoranza, uno in Aula, uno in Commissione, Poi apre sulle preferenze. Seduta sospesa, qualcuno si è fatto malePassano due emendamenti della minoranza, uno in Aula, uno in Commissione, Poi apre sulle preferenze. Seduta sospesa, qualcuno si è fatto male

0

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Esplora il significato del termine: «Stiamo mettendo fine ad anni di bicameralismo perfetto»: interviene anche Renzi- dalla direzione del Pd- nel corso di questa convulsa giornata in cui il ddl delle Riforme è in discussione al Senato: dopo quattro giorni è stato approvato solo l’articolo 1 del testo, non senza qualche intoppo. Nel pomeriggio i lavori sono stati sospesi per oltre due ore dopo le proteste dei capigruppo di opposizione, e il presidente Pietro Grasso ha minacciato di far intervenire i commessi per cacciar via quanti «fanno gazzarra». E qualche ora prima la maggioranza è andata sotto nella votazione ad un emendamento presentato dalla Lega, mentre in commissione Giustizia un altro emendamento al decreto carceri è passato grazie all’appoggio di alcuni senatori della maggioranza. Ma Renzi ribadisce la sua volontà di resistere ai ricatti, di nessun genere: né quelli «della tecnocrazia e burocrazia», ma neanche quelli politici: «Vinceremo le elezioni regionali anche senza Sel – ha detto Renzi – perché non abbiamo bisogno di esser ricattati sulla base dei voti. Se uno mi accusa di aver stuprato la Costituzione e di essere l’emblema della deriva autoritaria, io un’alleanza non ce la farei». Dunque, marcia dritta sulla riforma del Senato, che è «straordinariamente importante e storica». E a chi accusa il Pd di svolta autoritaria, Renzi replica: «Noi abbiamo e avremo uno stile sulle riforme, che non è evitare il canguro, ma la lumaca: le riforme non devono diventare l’ennesima discussione su cui stare anni e anni, noi abbiamo voglia di cambiare» la Carta «assieme ai cittadini».«Stiamo mettendo fine ad anni di bicameralismo perfetto»: interviene anche Renzi- dalla direzione del Pd- nel corso di questa convulsa giornata in cui il ddl delle Riforme è in discussione al Senato: dopo quattro giorni è stato approvato solo l’articolo 1 del testo, non senza qualche intoppo. Nel pomeriggio i lavori sono stati sospesi per oltre due ore dopo le proteste dei capigruppo di opposizione, e il presidente Pietro Grasso ha minacciato di far intervenire i commessi per cacciar via quanti «fanno gazzarra». E qualche ora prima la maggioranza è andata sotto nella votazione ad un emendamento presentato dalla Lega, mentre in commissione Giustizia un altro emendamento al decreto carceri è passato grazie all’appoggio di alcuni senatori della maggioranza. Ma Renzi ribadisce la sua volontà di resistere ai ricatti, di nessun genere: né quelli «della tecnocrazia e burocrazia», ma neanche quelli politici: «Vinceremo le elezioni regionali anche senza Sel – ha detto Renzi – perché non abbiamo bisogno di esser ricattati sulla base dei voti. Se uno mi accusa di aver stuprato la Costituzione e di essere l’emblema della deriva autoritaria, io un’alleanza non ce la farei». Dunque, marcia dritta sulla riforma del Senato, che è «straordinariamente importante e storica». E a chi accusa il Pd di svolta autoritaria, Renzi replica: «Noi abbiamo e avremo uno stile sulle riforme, che non è evitare il canguro, ma la lumaca: le riforme non devono diventare l’ennesima discussione su cui stare anni e anni, noi abbiamo voglia di cambiare» la Carta «assieme ai cittadini».

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.