Serie A, Frosinone-Napoli 1-5: festa azzurra al Matusa

0

Gli azzurri danno spettacolo al Matusa: sblocca Albiol, il Pipita ne fa altri due, a segno anche Hamsik (per la terza partita di fila) e Gabbiadini. Sarri chiude in testa il girone d’andata: ai partenopei non accadeva dal 199

10 GENNAIO 2016 – FROSINONE

Campione d’inverno, solitario. Il Napoli chiude il girone di andata al primo posto e con una goleada il Napoli. I tre punti di Frosinone li ha ottenuti in scioltezza, vincendo 5-1, dominando e sprecando il giusto sul piano fisico. È stato un belvedere, per il gioco espresso e per la qualità del palleggio. Uno spettacolo puro, esaltante, reso ancora più entusiasmante dalle cinque reti. Basta dare uno sguardo ai dati relativi al possesso di palla per rendersi conto di quanta sia stata netta la supremazia del collettivo napoletano.

UNO-DUE — Una forza straripante che ha piegato la fragile resistenza dei laziali, puniti dalla pessima uscita di Zappino sul calcio d’angolo di Jorginho che ha procurato il primo gol, realizzato da Albiol, che ha spinto il pallone in rete da pochi metri (24′). Il Frosinone ha provato a saltare il centrocampo e le fasce con lanci dalla difesa per i due attaccanti, ma sia Donisi sia Daniel Ciofani sono stati sopraffatti dai difensori napoletani. Prima del rigore, Higuain ha provato un paio di volte a concludere, ma la difesa ne ha respinto i tentativi. Poco prima della mezz’ora, però, il Pipita viene steso in area da Crivello: Tagliavento non ha alcuna esitazione a indicare il dischetto. Alla battuta (30′) va Higuain che realizza così il diciassettesimo gol in campionato. Per lui, poi, ci sarà l’apoteosi nella ripresa, quando realizzerà la quarta rete, la seconda personale che lo stacca in testa alla classifica cannonieri con 18 gol.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy
Christmas Pop-up