La capolista Napoli è sempre più sola al comando.

Juventus, dopo otto vittorie consecutive in campionato con zero gol incassati, stecca la nona e crolla in maniera clamorosa al Maradona subendo cinque gol e una dura lezione.

La partita Napoli-Juventus valida per il 18mo turno della Serie A è finita 5-1

Per i bianconeri si tratta di un vero e proprio tonfo, di una disfatta che ha poche giustificazioni e qualche spiegazione legata a un’interpretazione tattica della gara del tutto inappropriata.

Spalletti contro Allegri, dopo le schermaglie dialettiche della vigilia, si affrontano sul campo e il tecnico dei padroni di casa esce vincitore su tutta la linea.

A una giornata dal termine del girone d’andata il divario tra la prima e la seconda in classifica (in attesa dell’impegno di oggi a Lecce del Milan che dopo la sconfitta in Coppa Italia è ora a maggior ragione chiamato a reagire con determinazione per tentare di rimanere in scia) aumenta a dieci punti, con il Napoli che respinge e limita le speranze di rimonta dei bianconeri che escono dal Maradona pesantemente ridimensionati.

Allegri, smentendo le previsioni della vigilia, schiera Chiesa dal primo minuto ma la scelta si rivela infelice perché l’attaccante è costretto a giocare da terzino esterno in una difesa a cinque e appare spaesato in un ruolo che non è il suo. Il piano tattico dell’allenatore della Juventus è chiaro: difesa ad oltranza con cinque uomini fissi nell’area di rigore e Locatelli piazzato al centro soltanto qualche metro avanti, con le speranze offensive affidate esclusivamente al contropiede. La posizione di Chiesa, che non è un terzino e peraltro è costretto a sfiancarsi in un continuo movimento sulla fascia quando la Juventus esce fuori dal guscio, regala a Kvaraskhelia una libertà che il georgiano sfrutta in maniera esemplare. Al 14′ il gol del vantaggio degli azzurri è merito proprio del giovane esterno d’attacco di Spalletti che si fa trovare a centro area e conclude l’azione con una sforbiciata. Szczesny devia come può e sulla ribattuta si avventa Osimhen che insacca con un colpo di testa.

Nonostante lo svantaggio Allegri non modifica l’impostazione della gara e viene punito nuovamente al 38′. L’impreparazione di Chiesa a svolgere compiti da terzino è ancora più evidente in questa circostanza. Osimhen si libera sulla destra di Bremer e serve il georgiano il quale, senza opposizione della difesa juventina, insacca con un tiro rasoterra. Nel finale di tempo i bianconeri accorciano le distanze grazie a un’iniziativa di Di Maria sulla destra. Al 41′ un rimpallo in area di rigore tra Zielinski e Kim favorisce l’argentino che manda il pallone in rete con un rasoterra.

Il secondo tempo è cominciato da 9′ quando il Napoli ristabilisce e distanze. Il gol arriva da un calcio d’angolo battuto da Kvaraskhelia con Rrahmani che raccoglie dal lato opposto e scaraventa il pallone in rete con un gran tiro di destro. La Juventus accusa il colpo e il Napoli diventa padrone del campo più di quanto non lo fosse stato fino a quel momento. Le azioni in velocità degli uomini di Spalletti mettono ripetutamente in crisi la retroguardia avversaria e Osimhen e Kvaraskhelia diventano quasi immarcabili. Il duo d’attacco del Napoli al 19′ confeziona il quarto gol. Il georgiano pennella un traversone sulla testa del nigeriano che devia in rete il pallone. Il Napoli insiste e al 26′ va in gol anche Elmas che entra in area e calcia verso la porta. Il pallone, deviato da Alex Sandro, si insacca alle spalle di Szczesny. La partita finisce senza altri sussulti con l’immagine negli occhi dei 60mila del Maradona di una capolista che ha ritrovato il passo della prima parte della stagione.

NEWS
13-01-2023 22:25CAMPANIA PREMIUM

Napoli-show, travolta la Juve al Maradona

La capolista Napoli è sempre più sola al comando. La Juventus, dopo otto vittorie consecutive in campionato con zero gol incassati, stecca la nona e crolla in maniera clamorosa al Maradona subendo cinque gol e una dura lezione.

3NEWS
13-01-2023 21:40SPORT

Il Napoli batte la Juve 5-1 e va a +10

Il Napoli batte 5-1 la Juventus nell’anticipo della 18/a giornata della serie A e va a quota 47 punti in testa alla classifica, 10 in piu’ dei bianconeri, secondi.

4NEWS
13-01-2023 17:51SPORT

La prima di Ranieri a Cagliari: ‘Voglio una vittoria’

‘Contro il Como anche un 1-0 come nell’ultimo gol di Riva’

 

5NEWS
13-01-2023 18:29SPORT

Serie A: Lecce-Milan, formazioni

‘Mercato? Con squadra al completo non serve, ok Origi e Kjaer’

 

6NEWS
13-01-2023 16:27SPORT

Serie A: Cremonese-Monza,