Quotidiano di informazione campano

Seviziato in casa con roncola da banditi

Carabinieri fermano due persone, uno vicino a clan della zona

0

NAPOLI, 26 GIU – Sorpreso dai rapinatori in casa, minacciato con una pistola, picchiato, seviziato con una roncola e costretto a stare seduto per ore su una sedia, legato mani e piedi e imbavagliato con nastro adesivo da imballaggio: è accaduto lo scorso 8 giugno a un 56enne di Varcaturo, località nel comune di Giugliano in Campania (Napoli).
I carabinieri hanno identificato e fermato due persone, uno ritenuto vicino a un clan della zona, accusati di volere rapinare armi e soldi alla vittima.

I due rapinatori, entrati con l’inganno nell’abitazione della vittima, una casetta di campagna, erano a caccia delle sue armi, regolarmente dichiarate, e dei suoi averi. Non sapevano, però, che l’uomo non aveva più in casa i suoi 6 fucili e una pistola: la vittima è stata torturata fino allo stremo dai due suoi aguzzini, per ottenere indicazioni sul nascondiglio delle armi. Riuscito a liberarsi, dopo alcune ore, ha chiesto aiuto al 112 riuscendo, a malapena, a fornire le indicazioni necessarie per raggiungerlo, prestargli aiuto e avviare le prime indagini. I carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Napoli hanno identificato e poi sottoposto a fermo (emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia) due persone: si tratta di Giovanni Simeoli, 40 anni, residente nel vicino comune di Marano di Napoli, ritenuto vicino al clan camorristico dei “Polverino” operante nell’hinterland a Nord del capoluogo campano; e di Luigi Vallefuoco, 55 anni, ritenuto suo complice, residente a Napoli, che, secondo i militari, ha svolto il ruolo di basista malgrado fosse agli arresti domiciliari. In casa di Simeoli, nascosta in una dispensa, è stata trovata una pistola risultata rubata nel Napoletano lo scorso due giugno. I militari sono riusciti a ricostruire i ruoli di entrambi gli indagati e sequestrare alcuni degli strumenti di tortura usati dai malfattori. Simeoli e Vallefuoco sono accusati di rapina con sequestro di persona. Gli inquirenti della DDA hanno ipotizzato anche l’aggravante dell’aver agito con sevizie e crudeltà.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.