Quotidiano di informazione campano

SFORAMENTI POLVERI SOTTILI CENTRALINA SAN VITALIANO.

OGGI SALUTE LA GAZZETTA CAMPANA NEWS SIAMO SEMPRE DI PIU' NELLA MERDA TOTALE

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Il nolano è peggio della Valle Padana.

La centralina Arpac di San Vitaliano ha segnato dal 30 novembre al 3 dicembre 2018, per 4 giorni consecutivi, sforamenti delle polveri sottili pm10 oltre il limite massimo consentito di 50 ug/m.c. raggiungendo una media giornaliera di 93 ug/m.c.

Lo stesso numero di sforamenti – anche se con valori medi inferiori – si sono verificati in varie citta’ della Valle Padana.

Ma mentre nel caso della valle padana sono scattate varie misure di mitigazione dei livelli d’inquinamento atmosferico, nel nolano i vari amministratori non applicano nessuna misura, ne’ avvertono la popolazione del rischio che corre la loro salute.

🚦 Ecco alcune misure per il contenimento dell’inquinamento atmosferico scattate in val padana – livello di allerta arancio – semaforo arancio secondo il protocollo operativo interregionale, che vorremmo adottaste anche nei nostri comuni.

 

– LIMITAZIONI DEL TRAFFICO

Con livello di allerta ARANCIO è vietata la circolazione di

– veicoli (privati e commerciali) alimentati a benzina Euro 0 e Euro 1;

– veicoli (privati e commerciali) alimentati a diesel Euro 0, Euro 1, Euro 2, Euro 3, veicoli privati alimentati a diesel Euro 4;

– motoveicoli e ciclomotori a 2 tempi immatricolati prima dell’01/01/2000 o non omologati ai sensi della direttiva 97/24/CE.

Le limitazioni vengono applicate da lunedì a domenica dalle 8:30 alle 18:30.

Inoltre è vietata la sosta con motore acceso per tutti i veicoli.

– LIMITAZIONI D’ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI TERMICI CIVILI E DELLE COMBUSTIONI ALL’APERTO

Con livello di allerta ARANCIO sono previsti:

– la limitazione della temperatura degli ambienti, che non deve superare i 19 gradi (con tolleranza di 2° C) nelle abitazioni e negli esercizi commerciali;

– il divieto di utilizzo di generatori di calore domestici (caldaie, stufe, caminetti) alimentati a biomassa legnosa (legna, cippato, pellet) inferiori alla classe 3 stelle (classificazione ai sensi del Decreto n. 186 del 07/11/2017), in presenza di impianto di riscaldamento alternativo;

– il divieto di combustioni all’aperto di piccoli cumuli di materiale vegetale da attività agricole e forestali;

– il divieto di falò rituali, fuochi d’artificio, barbecue;

– il divieto di spandimento di liquami zootecnici.

Le limitazioni vengono applicate da lunedì a domenica.

Sicuri di positivo e pronto riscontro, approfittiamo per porgere alle LL.SS.Dott. Gennaro Esposito

 

 

 

 

 

 

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.