Quotidiano di informazione campano

Sfregiata con l’acido: la Corte di Cassazione conferma 20 anni per Varani

CRONACA RADIO PIAZZA NEWSSfregiata con l'acido: la Corte di Cassazione conferma 20 anni per Varani

0

La Corte di Cassazione ha confermato questa sera la condanna a vent’anni per Luca Varani, accusato di aver assoldato due albanesi per sfregiare con l’acido l’ex fidanzata Lucia Annibali. La sentenza è ora definitiva.

Lucia Annibali, tolto un peso – “Questa parte processuale e’ finalmente finita. Era un peso rimasto sospeso”. Cosi’ Lucia Annibali, emozionata e contenta, ha commentato la conferma della condanna all’ex fidanzato Luca Varani e ai due autori materiali dell’agguato con l’acido. “E una giornata di svolta, dal passato al futuro, dopo tre anni trascorsi in sospeso. Ora vorrei reinserirmi nella societa’ come una donna normale”, ha aggiunto.

Pg Cassazione, confermare 20 anni Varani – La conferma della condanna a vent’anni per Luca Varani, accusato di aver assoldato due albanesi per sfregiare con l’acido l’ex fidanzata Lucia Annibali. Questa era la richiesta del sostituto pg di Cassazione Paolo Canevelli nell’udienza davanti alla I Sezione penale chiamata a decidere sulla condanna dell’uomo per tentato omicidio, lesioni gravissime e stalking. Il pg aveva chiesto infatti il rigetto di tutti i ricorsi, quello di Varani e dei due albanesi Altistin Precetaj e Rubin Talaban condannati a 12 anni dalla Corte d’appello di Ancona il 23 gennaio 2015, e anche del procuratore generale di Ancona che contestava la tardività dell’appello e in sostanza chiedeva di far rivivere la sentenza di primo grado. Il pg ha ritenuto “infondata ogni richiesta riguardo all’entità della pena”, avanzata da Luca Varani che nel ricorso chiede che non gli venga contestato il reato più grave di tentato omicidio.

Legale Varani, non nascondiamo fatto grave – “Non nascondiamo la polvere sotto al tappeto. Sappiamo che quello che è successo è grave. Ma Varani vuole pagare per quello che ha fatto non per quello che gli viene attribuito”. Lo aveva detto entrando in Cassazione l’avvocato Roberto Brunelli, che difende l’uomo accusato di aver assoldato due albanesi.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.