Quotidiano di informazione campano

Si indaga sulle spese di MarinoE lui restituisce 20 mila euro

POLITICA ITALIANA RADIO PIAZZA NEWS

0

Roma, 7 ott. – La Procura di Roma afferma che vuole veder chiaro sulle spese di Ignazio Marino e poco dopo il sindaco di Roma fa l’annuncio: restituira’ alla capitale meno di 20mila euro di spese di rappresentanza, fatte in questi due anni.

“Di che cosa si preoccupano oggi i romani – scrive Marino in una nota – Dei rifiuti, dei trasporti pubblici o degli scontrini delle mie cene di lavoro? Ciascuno si dia la sua risposta e sono convinto che la stragrande maggioranza dei cittadini sia interessata ai problemi di Roma. Di questo mi sono occupato anche oggi. Ma non e’ mia abitudine eludere i problemi e sono stufo di tutte queste polemiche. In questi due anni ho speso con la carta di credito messa a mia disposizione dal Comune meno di 20.000 euro per rappresentanza, e li ho spesi nell’interesse della citta’”.

 “E’ di questo che mi si accusa?”, scrive Marino. “Bene, ho deciso di regalarli tutti di tasca mia a Roma e di non avere piu’ una carta di credito del Comune a mio nome. Ho gia’ dato mandato alla Ragioneria di calcolare questa stessa notte al centesimo le spese di rappresentanza pagate con la carta di credito e domattina stacchero’ l’assegno per l’intera cifra, ivi compresi quei 3.540 euro investiti nella cena con il mecenate Usmanov, arrivata alla fine di una serie di incontri che hanno portato nelle casse del Campidoglio due milioni di euro. E’ grazie a quelle risorse che stiamo restaurando, tra l’altro, la fontana del Quirinale. La mia decisione mette un punto, e adesso basta polemiche. Dato che alcuni hanno deciso di investire la Procura di questa vicenda, saranno i magistrati a ristabilire la verita’. Ma una cosa e’ chiara – prosegue Marino – Sono stato io a mettere on line tutti gli atti di cui si parla in queste ore. Dopo gli anni opachi e neri e’ la mia amministrazione ad aver portato trasparenza. Faccio questo gesto per i romani, non per chi mi attacca. Ma ora voglio che Roma guardi avanti, guardi all’impegno per il Giubileo, ai cambiamenti necessari perche’ i cittadini vivano meglio in una citta’ piu’ moderna e accogliente. Guardo all’obiettivo giubilare, all’anno che si apre in anticipo l’8 dicembre e che si chiudera’ a fine novembre del 2016. E’ una sfida che Roma, con lo sforzo di tutti i cittadini e con il concorso del governo, sapra’ vincere. Da due anni c’e’ il tentativo di sovvertire la scelta democratica dei cittadini. Io continuero’ sulla strada del cambiamento e gli stessi cittadini giudicheranno”.

Marino al bivio: il Pd non lo difende piu’ (LEGGI)

La Procura intende chiedere entro breve al Campidoglio tutta la documentazione relativa all’utilizzo della carta di credito assegnata al sindaco Ignazio Marino per il rimborso delle spese. Il procuratore aggiunto Francesco Caporale e il pm Roberto Felici, che hanno aperto ieri un procedimento senza indagati e senza ipotesi di reato, vogliono capire quanto siano fondati gli esposti presentati da ‘Fratelli d’Italia’ e dal Movimento 5 Stelle. I magistrati vogliono verificare se effettivamente ci siano state delle anomalie su queste spese rimborsate al primo cittadino e se la carta sia stata usata per pagare cene “alcune delle quali probabilmente non istituzionali” come e’ scritto nell’esposto.POLITICA RADIO PIAZZA NEWS

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.