Quotidiano di informazione campano

Soldi ai partiti: arriva lo stop Letta:

0

Roma, 14 dic. – La promessa e’ questa: “Ci sara’ un meccanismo molto stringente che impedira’ gli scandali degli anni scorsi”. Enrico Letta ci tiene a sottolineare pero’ che una promessa, oggi, e’ stata mantenuta: quella di rivedere radicalmente il meccanismo del finanziamento dei partiti. Che non sara’ piu’ a carico dell’erario, ma affidato alla volonta’ dei cittadini. In altre parole con la strada del due per mille nella dichiarazione dei redditi.

Letta: governo unito, facciamo sul serio

Ma sia chiaro: “Il nuovo sistema di finanziamento, con il due per mille, da’ tutto il potere ai cittadini. L’inoptato del due per mille restera’ allo Stato”.
  La decisione e’ stata presa dal Consiglio dei Ministri di oggi, recependo il testo della legge come approvato dalla Camera, e introduce “l’obbligo della certificazione esterna dei bilanci dei partiti politici”.
 

Bastera’ agli arrabbiati dell’antipolitica? “Basta con le chiacchere enricoletta”, risponde piuttosto Beppe Grillo, “Restituisci ORA 45 milioni di euro di rimborsi elettorali del Pd a iniziare da quelli di luglio. #Bastaunafirma”. Poi rincara la dose: “Per rinunciare ai finanziamenti pubblici e’ sufficiente non prenderli come ha fatto il M5S. Il decreto legge di Letta e’ l’ennesima presa per il culo”.
  Mercoledi’ parte in Senato l’iter, fa sapere il senatore del Pd Luciano Pizzetti, componente dell’Ufficio di Presidenza del Senato. “D’intesa con la presidente Finocchiaro – spiega – mercoledi’ la Commissione avviera’ comunque l’iter di discussione del testo trasmesso dalla Camera e fatto proprio dal governo con decreto”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.